Paolo Ventura. L’archivio ritrovato di V.P.

Paolo Ventura

Palazzo dei Pio a Carpi (Modena) ospita dal 14 dicembre 2013 al 2 marzo 2014 la mostra “Paolo Ventura. L’archivio ritrovato di V.P.”, curata da Luca Panaro.

Paolo Ventura è stato invitato a elaborare una sua visione della città, nella convinzione che l’arte contemporanea contribuisca a instaurare un indispensabile dialogo con la storia e la cultura del passato.

Ventura mette in scena il ritrovamento di una camera segreta all’interno del Palazzo dei Pio, nella quale sono custoditi oggetti di varia natura, in prevalenza lastre fotografiche della seconda metà dell’Ottocento. Questo materiale viene esposto ricostruendo la storia di una persona, forse lo stesso fotografo, di cui si conoscono le iniziali: V.P.

Gli abiti, i libri, la macchina fotografica, le immagini sono stati accuratamente catalogati da autorevoli storici, divenendo tasselli e indizi che ci aiutano a ricostruire frammenti di vita di un personaggio la cui esistenza resta misteriosa.
Certo è che i dagherrotipi ritrovati sembrano essere le più antiche immagini fotografiche di una Carpi sconosciuta.

L’esposizione, accompagnata da un prestigioso libro-opera bilingue edito da APM Edizioni, è promossa da Comune di Carpi, Gruppo Fotografico Grandangolo BFI e Nuovagrafica, con il patrocinio della Provincia di Modena, della Regione Emilia Romagna e della FIAF – Federazione Italiana Associazioni Fotografiche.