Milano | Leonardo a Palazzo Reale nel 2015

Leonardo Da Vinci, Studi di carri d’assalto falcati, 1482-1485 circa, penna e inchiostro, acquerello; 200 x 280 mm, Torino, Biblioteca Reale, coll. Dis. It. 1/18 (inv. n. 155583 D.C.), © 2014. DeAgostini Picture Library/Scala, Firenze

È stata presentata oggi a Palazzo Reale a Milano la grande mostra dedicata a Leonardo che sarà allestita dal 15 aprile 2015, a ridosso dell’apertura di EXPO 2015.

Il progetto, costruito interamente a Milano, è ideato e prodotto da Palazzo Reale e Skira ed è curato da Pietro C. Marani e Maria Teresa Fiorio, tra gli storici dell’arte più importanti per gli studi sul grande genio del Rinascimento.

L’esposizione si proporrà di illustrare, attraverso dodici sezioni, le tematiche centrali nella carriera artistica e scientifica di Leonardo, trasversali nella sua lunga estensione, venendo ad abbracciare non solo gli anni della sua formazione fiorentina, ma anche i due soggiorni milanesi, fino alla sua permanenza in Francia.

Le sezioni della mostra sono: Il Disegno come fondamento; Natura e scienza della Pittura; Il Paragone delle Arti; Il Paragone con gli Antichi; Anatomia, fisiognomica e moti dell’animo; Invenzione e Meccanica; Il Sogno; Realtà e Utopia; L’unità del sapere; De coelo et mundo: immagini del divino; La diffusione e la fortuna: dai leonardeschi al Trattato della Pittura e Il Mito.

La sequenza del percorso espositivo presenterà nelle varie sezioni opere autografe di Leonardodipinti, disegni e manoscritti.

La mostra prevede di esporre un nucleo significativo di capolavori pittorici di Leonardo, alcuni dei suoi codici originali e oltre cento disegni autografi, oltre che un cospicuo numero di opere d’arte – disegni, manoscritti, sculture, codici, incunaboli e cinquecentine – provenienti dai maggiori Musei e Biblioteche del mondo e da collezioni private, tra cui opere di Antonello da Messina, Botticelli, Filippino Lippi, Paolo Uccello, Ghirlandajo, Verrocchio, Lorenzo di Credi, Antonio e Piero del Pollajolo, Jean van Eyck, Della Robbia, Jacopo di Mariano detto il Taccola, Guido da Vigevano, Francesco di Giorgio Martini, Bonaccorso Ghiberti, Giuliano da Sangallo, Bramante e di altri trattatisti anonimi dei secoli XV e XVI.

La diffusione e la fortuna dell’arte e dei modelli di Leonardo sarà rappresentata in mostra da opere di Boltraffio, Marco d’Oggiono, Francesco Napoletano, Solario, Francesco Melzi, Giampietrino, Cesare da Sesto, Girolamo e Giovanni Ambrogio Figino e da altri artisti.

Si è scelto di anticipare la presenza di un importante dipinto di Leonardo – il San Gerolamo della Pinacoteca Vaticana – in quanto l’opera rappresenta perfettamente uno degli snodi centrali attorno a cui si articola la mostra, e cioè il rapporto tra pittura e scultura, tra arte antica e arte moderna, dove si rivelano le eccellenti conoscenze prospettico-spaziali di Leonardo, tanto che il dipinto anticipa l’uomo di Vitruvio e può essere assunto come icona della mostra.

Sarà inoltre esposto un nucleo di almeno cento disegni autografi. Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia intitolato al grande maestro presterà inoltre tre modelli di macchinari – un carro automotore, una macchina battiloro e un telaio meccanico – realizzati su disegni di Leonardo.

In mostra sarà esposta una video riproduzione del Cenacolo a grandezza naturale, arricchita da pannelli descrittivi e postazioni interattive con le informazioni sull’opera capitale di Leonardo e sul suo restauro.