Le opere di Mimmo Rotella in mostra a Palazzo Reale di Milano

Mimmo Rotella, Senza titolo, 1964, décollage, cm 200x225, collezione privata

È aperta dal 13 giugno 2014, a Palazzo Reale di Milano, la mostra dedicata a Mimmo Rotella, curata da Germano Celant.
L’esposizione, che ha per titolo “Mimmo Rotella. Decollages e retro d’affiches”, prende in esame la produzione iniziale dell’artista calabrese. In particolare viene analizzato il periodo che si estende dal 1953, cioé delle prime sperimentazioni sul manifesto lacerato, al 1964, anno della sua partecipazione alla XXXII Biennale di Venezia.

“Mimmo Rotella è stato un importante punto di riferimento culturale per la città di Milano, scelta dall’artista stesso come dimora a partire dagli anni Ottanta, e la mostra di Palazzo Reale intende dare un tributo alla sua attività, che nel tempo ha acquisito caratura internazionale – ha affermato  l’assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno –. Il percorso espositivo concepito da Germano Celant è un vero e proprio viaggio nella storia culturale dell’Italia del Dopoguerra, che si espande fino a prendere in analisi anche il contesto europeo e statunitense”.

Al fine di comprendere la posizione di Rotella nell’ambito del panorama artistico contemporaneo, sono esposti anche  alcuni lavori che si confrontano con quelli di altri artisti europei e americani come Filippo Tommaso Marinetti, Enrico Prampolini, Kurt Schwitters, Hannah Höch, Jean Fautrier, Alberto Burri, Lucio Fontana, Piero Manzoni, Jacques Mahé de la Villeglé, Raymond Hains, Andy Warhol e Michelangelo Pistoletto.

La mostra, che resterà aperta al pubblico fino al 31 agosto 2014, è promossa e prodotta da Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale, Mimmo Rotella Institute e Fondazione Mimmo Rotella.