EgoFragile, mostra personale di Natasha Yalysheva

Opera di Natasha Yalysheva Menhir Arte Contemporanea di La Spezia presenta, dal 28 marzo al 26 aprile 2015, la mostra personale dell’artista Natasha Yalysheva dal titolo “EgoFragile”, a cura di Alberto Mattia Martini.

In esposizione circa una ventina di opere che, rappresentano la nuova produzione di Natasha Yalysheva. I materiali dei quali l’artista siberiana si avvale sono nastri da imballaggio e telai in legno, supporti su cui l’artista cola smalto industriale che, scivolando crea un effetto surreale di dissolvenza e scioglimento. Colature che sembrano consumare i soggetti raffigurati, volti del passato, simboli del potere impressi su materiali poveri e di recupero, normalmente atti al trasporto e ai viaggi, solitamente testimoni di transiti, magazzini e “non luoghi”.

La poetica di Natasha scorre su nastri “Fragile” ad indicare che la Fragilità è umanità, che la vera “resilienza” intesa come abilità di far fronte al cambiamento e riadattarsi sta paradossalmente nel contrario delle comuni e simboliche affermazioni di forza, così come i nastri adesivi utilizzati conservano la capacità elastica contro la rottura.

A corredo della mostra sarà presentato il catalogo edito da Graphic & Digital Project, Milano,con testo critico di Alberto Mattia Martini. La mostra è un progetto di Menhir Arte Contemporanea.

Natasha nasce nel 1977 ad Omsk capoluogo del Distretto federale siberiano, terra di frontiera, esilio e rifugio a seconda della  provenienza, da 12 anni vive e lavora in Italia.