Renato Guttuso, ritratti e autoritratti in mostra a Bagheria

Google+PinterestLinkedInTumblr+

Renato Guttuso, Ritratto di Moravia, 1982Il Museo Guttuso di Bagheria (Palermo) ospita fino al 21 giugno 2015 la mostra “Guttuso: Ritratti e autoritratti“.

L’esposizione, curata da Fabio Carapezza Guttuso e Dora Favatella Lo Cascio, presenta opere provenienti da importanti musei, tra i quali la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e il Museo degli Uffizi di Firenze, oltre che da collezioni private.

È possibile ammirare ritratti di scrittoricome Alberto Moravia, Michael Angel Asturias, Nino Savarese, Carlo Levi, dicriticicome Natalino Sapegno, Santangelo, di poeti come Montale, Neruda, di attoricome la Magnani, Zeudi Araja, di intellettuali e politicicome Amendola, Bufalini, Alicata, di artisti come Picasso, Turcato, Consagra, Leoncillo, Fontana, Manzù che al pittore ha dedicato il grande monumento funebre posto nel giardino del museo Guttuso.
Una galleria di personaggi che testimonia la straordinaria capacità dell’artista di intessere rapporti dai quali sarebbero nati sodalizi e si sarebbero sviluppati movimenti artistici, come Corrente e il Fronte nuovo delle arti.

Attraverso l’esposizione degli autoritrattiè possibile scrutare nell’animo dell’artista, seguirlo, dagli esordi fino alla maturità, nella costruzione della sua identità, vedere riflessa, nel suo bel volto, la condizione umana con le sue sofferenze, i suoi miti, le sue passioni.

Sono, inoltre, esposte molte opere inedite, i preziosi disegni della sua collezione privata, che raffigurano amici ed artisti colti in momenti di rilassatezza amicale.

I ritratti e gli autoritratti sono contestualizzati in un allestimento che prevede la proiezione di filmati d’epoca, messi a disposizione dalla RAI e dall’Istituto Luce e l’utilizzo del prezioso materiale documentario, in gran parte inedito, fornito dagli Archivi Guttuso.

La mostra è promossa dalla Regione Siciliana – Assessorato Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, dalla Città di Bagheria e dagli Archivi Guttuso.

Share.

Comments are closed.