Vicenza | Ricordare, mostra di Roberto Floreani

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

"Ricordare" 2015 di Roberto FloreaniÈ possibile ammirare, fino al 25 novembre 2015, il nuovo progetto espositivo, dal titolo “Ricordare“, che l’artista Roberto Floreani ha realizzato appositamente per i suggestivi spazi sotterranei degli interrati palladiani di Palazzo Chiericati di Vicenza.

Il fulcro del nuovo progetto è stato realizzato da Floreani, per la prima volta in oltre 35 anni di attività, interamente su carta. Si tratta di una carta fatta a mano del tutto particolare, con inserti (ad immersione) di garza cannettata, che la trasformano in una sorta di carta-tessuto multistrato, di forte impatto emozionale.
La stratificazione usuale dei materiali riporta ad uno dei motivi centrali del lavoro di Floreani, legato alla componente memoriale che, in questo progetto, viene declinata sia sul versante individuale che su quello storico. In alcune di queste opere su carta sono, infatti, inseriti alcuni reperti che rimandano all’esperienza bellica della Grande Guerra.
La superficie della carta diviene quindi il luogo del racconto, a volte lirico a volte drammatico, ove, oltre agli interventi usuali dell’artista risolti con tematiche astratte, sono presenti (in alcuni lavori) suggestive applicazioni ricavate dai reperti recuperati dallo stesso autore.

La parte rimanente del progetto, articolato in 10 sale, si sviluppa con la realizzazione di due nuovi “nuclei” di cinque opere pittoriche ciascuno che interagiscono tra loro, assumendo sia una valenza installativa, sia mantenendo la loro individualità. Opere caratterizzate dalla consueta declinazione dei Concentrici, autentica cifra espressiva dell’artista, abbinata a risoluzioni cromatiche di Blu Klein e di arancio, appartenenti alla sua ricerca più recente.

L’esposizione si conclude con un’attenta selezione di opere site-specific provenienti dai principali progetti espositivi, tutti museali, realizzati dall’autore negli ultimi anni: dalla Biennale di Venezia del 2009 al Museo MaGa di Gallarate (2011), al Centro Internazionale di Palazzo Te a Mantova (2012), fino al Palazzo della Gran Guardia di Verona (2014), oltre all’ubicazione di alcune sculture recenti.

Share.

Comments are closed.