Firenze | Giornata di studi su Cesare Fasola

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Cesare Fasola e sua moglie, Giusta Nicco, opera di Carlo Levi

Cesare Fasola e sua moglie, Giusta Nicco, opera di Carlo Levi

L’ex-chiesa di San Pier Scheraggio, agli Uffizi di Firenze, ospita una giornata di studi dal titolo “Resistere per l’arte. L’impegno di Cesare Fasola nelle gallerie fiorentine e per il patrimonio artistico della Comunità ebraica”.
L’iniziativa, in programma giovedì 4 febbraio 2016, si colloca nell’ambito delle celebrazioni della “Giornata della memoria 2016“.

L’incontro si propone di rendere omaggio – a 130 anni dalla sua nascita – a un protagonista ignoto della Resistenza e della salvaguardia delle opere della Galleria degli Uffizi e, in particolare, delle vicende legate ai beni artistici della Sinagoga fiorentina e di esponenti della Comunità.

In apertura, il programma prevede i saluti del Direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, e le introduzioni di Sara Cividalli (Presidente della Comunità ebraica di Firenze) e di Claudio Di Benedetto (Direttore della Biblioteca degli Uffizi, di cui Fasola fu un predecessore).
Seguiranno gli interventi di Alessia Cecconi (Il più impegnato, disinteressato e intrepido funzionario che abbia mai incontrato), Marta Baiardi (Razzie di beni ebraici a Firenze tra persecutori e strategie di salvataggio), Dora Liscia Bemporad (Un tesoro recuperato. Gli arredi del Tempio Maggiore di Firenze) e Rossella Santolamazza (Le carte di Cesare Fasola conservate in Umbria).

Share.

Comments are closed.