HomeCinemaIl fascino indiscreto dell’amore, un film di Stefan Liberski. Recensione

Il fascino indiscreto dell’amore, un film di Stefan Liberski. Recensione

Il fascino indiscreto dell'amore - Un'immagine del filmÈ la storia di un amore gentile e svogliato che diviene, al tempo stesso, la storia di un incontro impossibile tra due culture differenti.

- Advertisement -

Belga di lingua francese, Amélie (dietro di lei s’indovina Amélie Nothomb, l’autrice del romanzo da cui il film è tratto) ha deciso di diventare un’autentica giapponese. Trasferitasi a Tokyo, vive l’euforia ingenua e lo stupore incantato di chi, a vent’anni, scopre un altrove esotico che evoca le molteplici possibilità dell’esperienza. Anche ciò che la attrae in Rinri è il fascino del mistero: il ragazzo di buona famiglia che lei prende a frequentare resta ai suoi occhi un individuo sfuggente, enigmatico (Amélie arriverà persino a sospettare che egli faccia parte della yakuza). Altrettanto indecifrabile rimarrà per lei la complessità del paese straniero di cui si prova a osservare tradizioni, consuetudini, abitudini di vita.

Gli è che lo spazio urbano di Tokyo (e il Giappone antico e silenzioso) che Amélie (e il film con lei) ha preso a esplorare si esaurisce nell’affastellamento di una serie di stereotipi folcloristici (i bar dove si pratica il karaoke, la sagoma del monte Fujiyama) e di segni culturali (i richiami discreti agli scenari del cinema di Ozu) che ci dicono di una curiosità e di un’apertura verso l’altro non completamente immuni dai luoghi comuni. L’attenzione e la disponibilità a conoscere una realtà ignota, contemplata con grande amore e rispetto, non bastano a garantire l’effettiva comprensione di quel mondo inafferrabile. Allo stesso modo, l’amore verso Rinri diviene per Amélie un amore per un’immagine fantasmatica, un sogno giovanile destinato a esaurirsi quando l’oggetto del desiderio si rivela per quello che è: un ragazzo posato, maturo, forse fin troppo maturo per la sua età, ma soprattutto per chi, come Amélie, sente ancora il bisogno di cercare se stessa e saggiare le esperienze della vita.

Nicola Rossello

- Advertisement -

Scheda film
Titolo: Il fascino indiscreto dell’amore
Regia: Stefan Liberski
Cast: Pauline Étienne, Taichi Inoue, Julie Le Breton,  Alice De Lencquesaing, Akimi Ota, Hiroki Kageyama, Tokio Yokoi, Hiromi Asai, Shinnosuke Kasahara, Masaki Watanabe
Genere: Commedia
Durata:  100 minuti
Distribuzione: Fil Rouge Media
Uscita: 28 maggio 2015

Guarda il trailer del film Il fascino indiscreto dell’amore

- Advertisement -
- Advertisment -

MUSICA

TELEVISIONE