IULM Milano, videoinstallazioni realizzate con videogiochi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Game Video/Art. A Survey - Videoinstallazioni realizzate con videogiochiPresenta una selezione di opere di videoarte, realizzate nell’arco dell’ultimo ventennio da artisti internazionali, la mostra che dal 4 aprile al 31 luglio 2016 è aperta al pubblico negli spazi espositivi dello IULM Open Space (IULM 6) dell’Università IULM di Milano.

L’esposizione, dal titolo Game Video/Art. A Survey, è la più ampia rassegna di videoinstallazioni create con videogiochi, realizzata nell’ambito della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano.

Sviluppate attraverso l’appropriazione creativa di titoli popolari come The Sims, SimCity, Grand Theft Auto e Call of Duty, queste installazioni non hanno semplicemente generato una nuova estetica bensì un nuovo modo di giocare con l’immagine. Esempio paradigmatico di remix, il machinima (contrazione di machine e animation) sollecita una riflessione sui ruoli dell’autore e dello spettatore nell’era digitale.
Invertendo i termini “video” e “gioco” nel titolo, i curatori enfatizzano la natura propriamente visiva del videogame e propongono un’esperienza essenzialmente ottica sottolineando l’esigenza di una modalità di fruizione attenta. In secondo luogo, il concetto di Game Art allude all’uso di princìpi, meccanismi, tecnologie ed estetiche ludiche per produrre esperienze artistiche. Nel contesto della mostra, il videogioco è quindi considerato come mezzo anziché fine, come strumento anziché prodotto.

Le videoinstallazioni sono accompagnate dalle opere pittoriche di Miltos Manetas, artista di origine greca, che ritraggono soggetti, spazi e situazioni dell’immaginario tecnologico. La selezione di opere tratte dalle serie Playing Videogames, Peripherals e Point of View (1996-2005) è integrata da Miracle (1996), il primo machinima d’artista, presentato alla mostra Joint Ventures curata da Nicolas Bourriaud presso la Basilico Gallery di New York. È, inoltre, proposto, in anteprima assoluta per l’Italia, The Night Journey, l’ultimo progetto di Bill Viola sviluppato insieme al Game Innovation Lab della University of Southern California di Los Angeles.

Game Video/Art. A Survey presenta le opere di Larry Achiampong & David Blandy, Hugo Arcier, Marta Azparren, Josh Bricker, Joseph Delappe, Claire Evans, foci + loci, Anita Fontaine, Chris Howlett, Keung Wai Hui, Kent Lambert, Lawrence Lek, Miltos Manetas, Marco Mendeni, Victor Morales, Oscar Nodal, Baden Pailthorpe, Paolo Pedercini, Tom Richardson, Georgie Roxby Smith, Kent Sheely, Palle Torsson, Bill Viola, Angela Washko, IP Yuk-Yiu.

La mostra, curata da Matteo Bittanti e Vincenzo Trione, è il frutto della collaborazione tra La Triennale di Milano e la Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm – Facoltà di Arti, turismo e mercati con il coordinamento di Anna Luigia De Simone.

È previsto un ricco programma di eventi collaterali tra cui proiezioni, dibattiti e performance che si svolgeranno negli spazi dell’Università IULM.

Share.

Comments are closed.