mercoledì, Settembre 30, 2020
Home L'Italia nel mondo In Cina una piazza dedicata a Faenza

In Cina una piazza dedicata a Faenza

Piazza Faenza a Jingdhezen in CinaÈ stata inaugurata il 19 ottobre 2016 a Jingdhezen, in Cina, “Faenza Square” ovvero “Piazza Faenza“: uno spazio urbano interamente progettato dai tecnici del Settore urbanistico del Comune di Faenza, che riprende alcune forme e simboli della città italiana, la cui identità storica e culturale è strettamente legata alla ceramica (alla maiolica in particolare).

La città di Jingdhezen (nella provincia dello Jiangxi – circa un milione e mezzo di abitanti) è stata portata recentemente all’attenzione del grande pubblico con l’ultimo romanzo di Edmund de Waal, scrittore e ceramista inglese autore del bestseller mondiale “Un’eredità di avorio e ambra” (tradotto in 30 lingue).

La realizzazione di una piazza dedicata a Faenza rappresenta un grandissimo riconoscimento per la tradizione ceramica faentina.
Portata a termine in meno di tre anni, “Faenza Square” copre un’area di oltre 2.300 mq e si trova all’interno di un nuovo quartiere di Jingdhezen, il Taoxichuan Ceramic District, sede di antiche manifatture e fornaci ceramiche.

«La costruzione di ‘Piazza Faenza’ nel centro di Jingdhezen è un evento di grande importanza che riveste un significato profondo nel sistema ceramico internazionale –  afferma Massimo Isola, Presidente di Ente Ceramica Faenza e Assessore alla Ceramica di Faenza -. La città della porcellana insieme alla città della maiolica: l’incontro tra due città con una dimensione storica così imponente e così legata a questi materiali creativi è una tappa di un percorso di relazioni che è in costruzione da diversi anni. Il rafforzamento delle relazioni tra queste città, tra il loro contesto produttivo e artistico, è decisivo anche in chiave futura e Faenza intende continuare a coltivarlo con passione, giorno dopo giorno. Non è un caso – continua Isola – che la piazza sia prossima non solo alla zona universitaria, ma anche ai laboratori destinati alle residenze d’artista. Infatti, nella costruzione del dialogo, la piazza è solo un primo tassello: il secondo è rappresentato dalla circolazione di artisti fra le due città. In questi giorni due artisti faentini, Luce Raggi e Abdon Zani, sono in residenza a Jingdhezen, e abbiamo già calendarizzato una serie di scambi, con diverse personalità creative che dalla nostra città si recheranno nella città cinese anche per un periodo notevole».

Acquista su Amazon

Acquista su Amazon

MUSICA

TELEVISIONE