Claudio Montecucco – Alla ricerca del lettore perduto

Claudio MontecuccoLo spazio Kasa dei Libri di Milano presenta, dal 21 settembre al 4 ottobre 2017, la mostra fotografica “Alla ricerca del lettore perduto” di Claudio Montecucco.

Montecucco da 15 anni fotografa chi legge: in strada, su una panchina, mentre cammina, sui gradini di un monumento, sdraiato per terra o in treno. Quasi mai svela i volti dei lettori – né al suo obiettivo e nemmeno a sè stesso. Cerca solo di immaginare le loro espressioni, ma ancora di più cerca di capire cosa stanno leggendo, per conoscere meglio chi ha deciso di ritrarre in un momento così intimo e personale.

Guardando le sue foto desideriamo non solo capire che cosa i soggetti ritratti stiano leggendo, ma anche dove lo stiano facendo. Il fotografo ci ha concesso solo qualche dettaglio: dei gradini di pietra, una ringhiera, il tavolo di un caffè all’aperto. Il lettore perduto di Claudio Montecucco è tale anche per questo motivo, perché sta compiendo un gesto coraggioso, in controtendenza rispetto alle abitudini di massa.
Tiene in mano e legge un libro in un luogo pubblico, quando l’immagine a cui siamo abituati è quella della lettura digitale, magari delle notizie del giorno sullo schermo di uno smartphone. Frequentare i luoghi preferiti della propria vita quotidiana accompagnati da un buon libro è un’abitudine da riscoprire.

Il bianco e nero contribuisce a dare alle foto una dimensione senza tempo. Claudio Montecucco va alla ricerca di momenti irripetibili, che il mezzo fotografico riesce a fissare. Piccoli e impercettibili gesti, dettagli all’apparenza insignificanti ci avvicinano all’unicità di ogni soggetto ritratto e allo stesso tempo ci svelano la sensibilità del fotografo nel catturare pezzi di vita.

La lettura diventa la trama del racconto, il filrouge che accomuna tutti i protagonisti delle fotografie, mostrando come l’attività del leggere sia un vero e proprio stato fisico di estraniamento.