Premio Glass in Venice 2017

Palazzo Franchetti, Venezia
Palazzo Franchetti, Venezia

Si terrà a Venezia, a palazzo Franchetti, mercoledì 13 settembre 2017 alle ore 17. 30, la cerimonia di premiazione della sesta edizione del Premio Glass in Venice , promosso dall’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e dalla Fondazione Musei Civici di Venezia per valorizzare il patrimonio dell’arte vetraria.

La commissione giudicatrice ha deciso di premiare quest’anno il maestro Giacomo Barbini e l’artista Cristiano Bianchin, entrambi veneziani, insieme agli artisti Monica Guggisberg, svizzera, e Philip Baldwin, americano.

Giacomo Barbini è maestro molatore di eccezionale abilità e raffinatezza nel lavoro di rifinitura a freddo del vetro soffiato veneziano. Nel corso della sua lunga carriera, che si è svolta in particolare nelle vetrerie Venini e Anfora, ha saputo interpretare le esigenze progettuali di artisti e designer. Dopo aver cessato l’attività ha continuato a offrire la sua consulenza a professionisti, artisti e anche a giovani apprendisti.

Cristiano Bianchin, allievo di Emilio Vedova all’Accademia di Belle Arti di Venezia e nel gruppo dei giovani artisti selezionati dalla Fondazione Bevilacqua la Masa, si è accostato nel 1992 al vetro considerandolo come uno dei mezzi espressivi adatti alla sua poetica. La sua ricerca formale si esprime attraverso l’uso di tecniche vetrarie estremamente raffinate per opere nelle quali il vetro convive con altri materiali con risultati originali.

Monica Guggisberg e Philip Baldwin sono l’emblema dell’internazionalità dell’arte del vetro. Hanno sviluppato la loro passione per il vetro nello studio di Wilke Adolfsson e Ann Wolff in Svezia, ma hanno guardato con attenzione le tecniche vetrarie di Murano, isola a cui tutt’ora fanno riferimento per le tecniche di rifinitura a freddo dei loro vetri. Condividono il lavoro di progettazione ed esecuzione delle loro opere improntate a una originalissima contemporaneità che spazia dal tema del vaso all’installazione pensata per un preciso spazio architettonico.

In occasione della cerimonia del 13 settembre, sarà conferito il premio Riedel Award 2017 a Kyle Solá, per il progetto Fracture, che enfatizza le proprietà del cristallo reinterpretando linee della tradizione austro-boema in chiave contemporanea. Il premio è promosso da Riedel, l’azienda austriaca specializzata nella produzione di calici da degustazione e decanter in cristallo che da quattro anni partecipa al progetto Glass in Venice.

Dal 14 settembre al 13 ottobre 2017, le opere degli artisti vincitori dei premi Glass in Venice e Riedel saranno esposte nella suggestiva cornice dell’atrio di Palazzo Loredan. L’inaugurazione della mostra si terrà in concomitanza della cerimonia di premiazione, il 13 settembre 2017.

Le suddette iniziative si svolgono nell’ambito di un nuovo importante appuntamento dedicato al vetro: dal 10 al 17 settembre 2017 si tiene, infatti, The Venice Glass Week, un vero e proprio festival internazionale dedicato all’arte vetraria, con particolare riguardo a quella muranese.