“Storie di Bambini” di Letizia Galli – Mostra a Venezia

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Letizia Galli, "Storie di Bambini"Dopo Firenze e Napoli, arriva a Venezia la mostra “Storie di Bambini” che è possibile visitare dal 16 dicembre 2017 fino al 15 aprile 2018.
È previsto anche un riccho programma di attività didattiche per le scuole, iniziative per gli adulti e le famiglie, visite guidate e concerti.

Cuore della mostra “Storie di Bambini” sono le storie di 12 bambini raccontate da Letizia Galli, artista e autrice di libri per l’infanzia di cui alcuni tradotti in 27 lingue.
L’esposizione si articola in 210 illustrazioni originali che ci fanno conoscere le storie di Agata Smeralda, Igor, Abdou, ma anche quelle di famosi artisti come Michelangelo e Leonardo e di tanti altri bambini che, partiti da una situazione difficile, sono riusciti a far brillare i propri talenti e coltivare i propri desideri facendo emergere la positività anche da difficoltà apparentemente insormontabili.

Il progetto nasce a Firenze nel 2016, la città d’origine di Letizia Galli, la quale, visitando lo storico Istituto degli Innocenti che l’ha fortemente emozionata, ha tratto ispirazione per raccontare una nuova storia, quella della prima bambina che qui trovò accoglienza nel lontano 1444: Agata Smeralda.
Le storie già create in precedenza da Letizia Galli e pubblicate sia in Italia che all’estero hanno un filo conduttore comune che è l’affermazione del bambino come persona in grado di superare drammatiche avversità. Letizia Galli conduce il visitatore con delicatezza e sensibilità a toccare tematiche come la povertà, l’infanzia abusata, la migrazione forzata, la guerra, ma soprattutto mette in luce la creatività, la genialità e la capacità dei bambini nel trovare la propria strada con una forza d’animo sorprendente.

A Venezia la mostra “Storie di Bambini” sarà all’Istituto Provinciale per l’Infanzia “Santa Maria della Pietà”, che dal 1346 si dedica all’accoglienza degli orfani e all’attività assistenziale per minori e madri.

Share.

Comments are closed.