MIA Photo Fair 2018

Vakarcs Lorand, Dobrogea, 2015, Giclée print on paper, 84x180 cm, Edition: 84x180 cm, Courtesy: IAGA Contemporary Art - MIA Photo Fair
Vakarcs Lorand, Dobrogea, 2015, Giclée print on paper, 84×180 cm, Edition: 84×180 cm, Courtesy: IAGA Contemporary Art – MIA Photo Fair

Torna a The Mall a Milano, nel quartiere di Porta Nuova, dal 9 al 12 marzo 2018, MIA Photo Fair, la fiera internazionale in Italia dedicata alla fotografia d’arte, ideata e diretta da Fabio e Lorenza Castelli.

MIA Photo Fair, giunta alla sua VIII edizione, propone una serie di interessanti novità e progetti presentati dagli espositori, che quest’anno saranno in totale 130, di cui 90 gallerie (37 provenienti dall’estero, che raddoppiano il numero dello scorso anno).

MIA Photo Fair è una realtà sempre alla ricerca di novità da offrire al suo pubblico. Anche quest’anno numerosi sono i progetti interessanti per l’approfondimento della storia della fotografia, come quello presentato dalla galleria Jörg Maaß Kunsthandel di Berlino, da Spazio Damiani di Bologna con Hiroshi Sugimoto, Joel Meyerovitz, Larry Fink, da Contrasto Galleria di Milano con grandi maestri come Mario Giacomelli, William Klein, Sebastião Salgado, Ferdinando Scianna, da Photo&Co di Torino con Luigi Ghirri, Mimmo Jodice, Gabriele Basilico, Giovanni Gastel, da Suite59 di Amsterdam con André Villers e Edward Quinn, dalla Galerie Frederic Got di Parigi con Annie Leibovitz, Harry Benson e Steve McCurry.

Fin dalla prima edizione, uno degli appuntamenti più attesi di MIA Photo Fair è Proposta MIA, la sezione dedicata a fotografi indipendenti selezionati dal comitato scientifico, che si presentano al mondo delle gallerie e al pubblico.
Tra questi, si segnala il grande ritorno di Graziella Vigo, una delle autrici italiane più conosciute e celebrate all’estero che a MIA Photo Fair espone 2 progetti, il primo intitolato “Portrait” sui ritratti di grandi personaggi famosi e il secondo intitolato “Verdi on stage“, momenti straordinari catturati durante rappresentazioni di opere di Verdi nei più grandi teatri del mondo, a partire dal Teatro alla Scala; lo svizzero Beat Kuert, celebre regista e artista multimediale con un inedito progetto fotografico o ancora Edilio Livio Alpini con le sue opere in movimento che fotografano la materia, sviluppando una connessione tra fisica e arte.

Quest’anno particolarmente ricco è il programma culturale. Spiccano tra le varie proposte, gli incontri su psicanalisi e collezionismo, che fanno parte del nuovo format basato sul rapporto tra Arte e Scienza, curato da Chiara Agagiù, con la partecipazione di docenti, ricercatori e critici come Massimo Recalcati, Stefano Ferrari, Mimmo Pesare e Giovanni Fiorentino.

Tra gli appuntamenti del programma culturale sono inoltre da segnalare:
– Gli incontri di Collezione per due, in cui la giornalista Sabrina Donadel intervisterà coppie di collezionisti unite oltre che dall’amore anche dalla passione per la fotografia;
– la conversazione sul cambiamento dello strumento della fotografia nell’ambito del fotogiornalismo e nella pubblicità Estetica e Cultura che vedrà Edward Rozzo e Mario Cresci discutere sul valore estetico dell’immagine nel progetto fotografico anche ad uso commerciale;
– la lecture di Pino Musi e Antonello Scotti che proporrà l’analisi di alcuni libri fotografici d’artista, dove testo e immagini interagiscono creando relazioni inattese.

MIA Photo Fair è realizzata col Patrocinio della Regione Lombardia, della Città Metropolitana di Milano e del Comune di Milano.