La Mélodie, un film di Rachid Hami

 La MélodieÈ nelle sale il film di Rachid Hami dal titolo La Mélodie, con Kad Merad, Samir Guesmi, Renély Alfred.

Simon, un famoso musicista ormai disilluso, arriva in una scuola alle porte di Parigi per dare lezioni di violino. I suoi metodi d’insegnamento rigidi non facilitano il rapporto con alcuni allievi problematici. Tra loro c’è Arnold, un timido studente affascinato dal violino, che scopre di avere una forte predisposizione per lo strumento. Grazie al talento di Arnold e all’incoraggiante energia della sua classe, Simon riscopre a poco a poco le gioie della musica. Riuscirà a ritrovare l’energia necessaria per ottenere la fiducia degli allievi e mantenere la promessa di portare la classe ad esibirsi al saggio finale alla Filarmonica di Parigi?

«Una notte, il mio co-sceneggiatore, Guy Laurent, mi ha chiamato per dirmi che aveva visto un reportage su dei ragazzi che suonavano musica classica nei quartieri – dichiara il regista Rachid Hami -. Guy ha lavorato spesso nel cinema commerciale, ma ha pensato subito a me per realizzare un film su questo soggetto. C’era effettivamente una risonanza tra quello che facevano questi bambini e il mio percorso personale. Ho preso contatti con i responsabili di Démos, un programma d’educazione musicale e orchestrale con una vocazione sociale, supportato dalla Filarmonica di Parigi  ai quali ho portato il mio documentario, dopodiché mi hanno aperto le porte affinché io potessi seguire i gruppi dei ragazzi. Parallelamente, mi sono interessato alle classi orchestrali, dirette dall’Educazione Nazionale – continua il regista -. Da Gennevilliers a Parigi passando per Asnières, ho cominciato a sviluppare dei legami con questi ragazzi. Man mano che li osservavo nel loro lavoro con i professori, una storia si è creata nella mia testa, e un ragazzo che suonava il violino che avevo incontrato a Belleville mi ha ispirato il personaggio di Arnold. Non è solo una questione di cinema e di realtà sociale. In La mélodie c’è il desiderio di tradurre in immagini e parole una devozione alla vita e all’arte di fronte a situazioni difficili (miseria, violenza, abbandono, integrazione) dalle quali ognuno cerca di fuggire, e la voglia di affrontare le disillusioni della vita per meglio esprimere i motivi della speranza.

«L’idea di dar vita a questo personaggio è stata una sfida che ho voluto pormi perché mi avrebbe obbligato a superare i miei limiti – dichiara Kad Merad nel ruolo di Simon Daoud -. C’era una doppia sfida da sostenere: l’apprendimento del violino e l’interpretazione di un personaggio con un carattere molto lontano dal mio. Da questo punto di vista, Simon è quasi l’opposto di ciò che sono e non è stato facile interpretare un uomo disilluso, silenzioso, introverso e lento nei gesti sapendo che tutto il film è portato avanti dal suo punto di vista. Ma parlare con Rachid mi ha aiutato a comprendere il personaggio. A partire dal suo look: senza barba e capelli, mi sono sentito nudo e questo mi ha dato subito una certa fragilità. Inoltre mi sono dovuto impegnare molto con il violino. Dovevo essere sufficientemente credibile per non mettere mai in dubbio il talento da musicista di Simon e il fatto che fosse un professore. Non volevo che si vedesse una mia performance al violino, il mio scopo era di essere così credibile da non rendere indispensabile una mia prova da musicista».

Scheda film
Titolo: La Mélodie
Regia: Rachid Hami
Cast: Kad Merad, Samir Guesmi, Alfred Renely, Jean-Luc Vincent, Tatiana Rojo, Slimane Dazi, Mathieu Spinosi, Youssouf Gueye, Zakaria-Tayeb Lazab, Mouctar Diawara, Shirel Nataf, Anaïs Meiringer
Durata: 102 minuti
Genere: Drammatico
Distribuzione: Officine Ubu
Data di uscita: 26 aprile 2018

La Mélodie – Guarda il trailer