Fotofanie. 109 Fotografie di Italo Zannier – Mostra a Milano

Italo Zannier, Vetrina a Venezia, 2015, stampa con toner a pressione su carte cm 32x45In occasione di Milano Photo Week 2018, la Casa Museo Boschi Di Stefano di Milano ospita, dal 9 al 30 giugno 2018, la mostra “Fotofanie. 109 Fotografie di Italo Zannier “, a cura di Andrea Tomasetig.

L’esposizione nasce dalle migliaia di scatti realizzati nel triennio 2014-2017 conservati nella memoria della sua Sony tascabile, chiamati da Zannier “fotofanie” apparizioni, di cui solo 400 sono diventate fotografie stampate e firmate in copia unica in grande formato.
Di queste, per la prima volta sono presentate 109 opere, nate da un’approfondita selezione in cui si ammirano alcuni tra i soggetti più interessanti della poetica di Zannier quali ombre e riflessi di autoritratti con macchina digitale in cui l’autore si intravede come un fantasma in agguato; momenti lirici di sguardi sulla natura nel corso delle ore e delle stagioni e si osserva una speciale attenzione pop verso vetrine, scritte, oggetti curiosi, e particolari anti-turistici di alcune capitali europee.

Il percorso composto da nove sezioni dal titolo Autoritratti, Oggetti, Dal treno, Natura, Luoghi dell’anima, Vetrine, Europa, Ritratti, Frammenti si snoda su due piani di Casa Boschi; al pianoterra, nella ex scuola di ceramica di Marieda Di Stefano è accolta gran parte della mostra, mentre il terzo piano, eccezionalmente aperto, ospita la sezione Frammenti e la proiezione della performance di Italo Zannier filmato mentre colloca le sue opere insieme agli studenti, coordinati da Saverio Lombardi Vallauri, e autori del video.

«Mi può sorprendere un guizzo di luce, un arcobaleno di segni, un gesto… – scrive Zannier a proposito del suo lavoro -. Mi può stupire uno sguardo che si incrocia al mio, un’ombra fuggevole sul marciapiede, la solitudine di una foglia abbandonata dal vento… Insomma situazioni spesso anomale, casuali, che sembrano attendere una immagine. Una Fanìa per il momento, che poi, l’autore volendo, potrà far diventare una Fotografia».

La mostra è promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, ed è realizzata dalla Casa Museo Boschi Di Stefano, in collaborazione con il Municipio 3 e la Fondazione Boschi Di Stefano.

In occasione dell’esposizione viene pubblicato un catalogo, con testi di Maria Fratelli, Italo Zannier, Andrea Tomasetig, Stefano Salis e Silvia Paoli e con design grafico di Leo Guerra.