Robert Doisneau. Pescatore d’immagini – Mostra a Lecco

Robert Doisneau, Mademoiselle Anita, 1951 @ Atelier Robert DoisneauIl Palazzo delle Paure di Lecco ospita, dal 23 giugno al 30 settembre 2018, una mostra di Robert Doisneau dal titolo Pescatore d’immagini, curata dall’Atelier Robert Doisneau in collaborazione con Piero Pozzi.

L’esposizione presenta 70 immagini in bianco e nero che ripercorrono la vicenda artistica di uno dei più importanti fotografi del Novecento.

Il percorso espositivo, che mette in mostra alcune delle icone più riconoscibili della sua carriera come Le Baiser de l’Hôtel de Ville, Les pains de Picasso, Prévert au guéridon, si apre con l’autoritratto del 1949 e ripercorre i soggetti a lui più cari, conducendo il visitatore in un’emozionante passeggiata nei giardini di Parigi, lungo la Senna, per le strade del centro e della periferia, nei bistrot e nelle gallerie d’arte della capitale francese.

Com’ebbe modo di ricordare lo stesso Doisneau, «Le meraviglie della vita quotidiana sono così eccitanti; nessun regista può ricreare l’inaspettato che si trova nelle strade».

A Lecco, si possono ammirare alcuni dei suoi capolavori più famosi, tra cui il Bacio dell’Hotel de Ville, scattata nel 1950, che ritrae una coppia di ragazzi che si bacia davanti al municipio di Parigi mentre, attorno a loro, la gente cammina veloce e distratta. L’opera, per lungo tempo identificata come un simbolo della capacità della fotografia di fermare l’attimo, non è stata scattata per caso: Doisneau, infatti, stava realizzando un servizio fotografico per la rivista americana Life, e chiese ai due giovani di posare per lui.

Il lavoro di Doisneau dà risalto e dignità alla cultura di strada dei bambini; ritornando spesso sul tema dei più piccoli che giocano in città, lontani dalle restrizioni dei genitori, trattando il tema del gioco e dell’istruzione scolastica con serietà e rispetto, ma anche con quell’ironia che si ritrova spesso nei suoi scatti.
È il caso di Les pains de Picasso, in cui l’artista spagnolo, vestito con la sua tipica maglietta a righe, gioca a farsi ritrarre seduto al tavolo della cucina davanti a dei pani che surrogano, con la loro forma, le sue mani.

La mostra, accompagnata da un catalogo edito da Skira, ha il patrocinio del Comune di Lecco ed è prodotta e realizzata da Di Chroma Photography e ViDi – Visit Different.