Vocabolario Dantesco – Presentazione all’Accademia della Crusca

Dante, affresco di Luca Signorelli, 1499-1502, particolare, Duomo di OrvietoÈ in programma a Firenze, nella Villa medicea di Castello, sede dell’Accademia della Crusca, lunedì 1 ottobre 2018, la IV tornata accademica del 2018, dedicata alla presentazione del Vocabolario Dantesco, realizzato dall’Accademia della Crusca in collaborazione con l’Istituto CNR Opera del Vocabolario Italiano (OVI).

I due istituti, nell’ambito delle celebrazioni per il prossimo centenario dantesco del 2021, hanno dato il via alla redazione di un grande Vocabolario destinato a raccogliere l’intero patrimonio lessicale contenuto nelle opere di Dante, sia volgari che latine.

Nella tornata di lunedì saranno rese pubbliche e consultabili le prime 200 schede, tutte relative a voci della Commedia. Il Vocabolario, frutto del lavoro di alcuni giovani ricercatori, è rivolto a tutti gli studiosi, gli studenti, e gli appassionati della lingua di Dante.

Dopo i saluti del Presidente dell’Accademia della Crusca, Claudio Marazzini, e quelli istituzionali il convegno prenderà il via alle 10.30 con gli interventi di: Paola Manni, Il Vocabolario Dantesco: dal progetto alla pubblicazione delle prime schede; Francesca De Blasi, Barbara Fanini, Cristiano Lorenzi Biondi, Fiammetta Papi e Veronica Ricotta, Nell’officina del VD: gli strumenti e il lavoro di redazione; Salvatore Arcidiacono, «Forse tu non pensavi ch’io löico fossi!»: metodi computazionali al servizio del VD; Rossella Mosti e Zeno Verlato, Le Corrispondenze del VD: TLIO, lessicografia storica, corpora dell’OVI; Carla Marello, Far accedere gli studenti al lessico dantesco attraverso il VD in rete; Rosario Coluccia, Cosa le varianti della Divina Commedia possono insegnare alla storia della lingua e alla lessicografia italiana; Mirko Tavoni, Lessicografia ed esegesi dantesca; Andrea Mazzucchi, Il VD tra antichi commenti alla Commedia e usi stilisticamente marcati del lessico; Gabriella Albanese, Per il Vocabolario latino di Dante; Lino Leonardi, Conclusioni e prospettive future.
Il convegno si chiude alle 18.00 con la discussione.