Ceramiche cinesi in mostra al MAO di Torino

ceramiche cinesiAl MAO – Museo d’Arte Orientale di Torino sono esposte preziose ceramiche cinesi che coprono un arco temporale di cinque secoli. Si tratta per lo più di eleganti pezzi monocromi databili tra la dinastia Song e la dinastia Yuan, esemplificativi delle produzioni delle maggiori fornaci del periodo.

La mostra, dal titolo Sfumature di terra, resterà aperta al pubblico dall’1 novembre 2018 al 10 febbraio 2019.

Nelle parole di Lu Yu, autore dell’opera Il Classico del Tè, traspare già quel senso di finezza estetica che troverà la massima realizzazione nelle produzioni ceramiche dei secoli successivi della dinastia Song (960-1279). Fu proprio in quel periodo che vennero perfezionati i processi tecnologici di una delle più grandi tradizioni ceramiche al mondo. I risultati furono dei manufatti di grande raffinatezza nella forma, piacevolezza tattile della superficie invetriata, consistenza e brillantezza di colori senza precedenti.

L’apprezzamento del grès e della porcellana, incentivato anche dalla cultura del tè che si era ormai diffusa in tutta l’Asia orientale, divenne uno dei piaceri colti delle classi agiate cinesi: non tanto come sostituti a buon mercato di materiali più costosi quali il bronzo e la lacca, come era invece avvenuto in epoche precedenti, bensì per il loro valore intrinseco nella trasmutazione della materia grezza in oggetti raffinati, adatti al gusto sobrio della nuova classe di funzionari-letterati impregnati di ideali confuciani che si era venuta affermando dal X secolo in poi. Il piacere per l’apparente semplicità e purezza delle ceramiche Song si protrasse oltre l’invasione mongola degli Yuan (1271-1368) e nel primo secolo della restaurazione cinese dei Ming (1368-1644), anche se la qualità generale dei manufatti diventava progressivamente meno pregiata. Proprio con i mongoli e con la (ri)scoperta delle ceramiche bianche e blu di ispirazione medio-orientale il gusto cinese cominciò a virare piuttosto nella direzione di una maggiore attenzione alla perfezione tecnica – spesso svuotata di slancio artistico – e di un certo formalismo decorativo/pittorico a tinte forti.

Tra i pregevoli oggetti esposti anche una ceramica restaurata con la tecnica del kintsugi. Si tratta di una pratica artistica giapponese nella quale si utilizza l’oro – o un altro metallo prezioso – per saldare insieme frammenti di un oggetto rotto o colmarne le lacune.