City Booming Bologna, la mostra dei mattoncini Lego

Considerato l’enorme successo di pubblico, è stata riaperta la mostra “City Booming Bologna”, allestita nella ex chiesa di San Mattia, nel cuore di Bologna, a pochi passi da Piazza Maggiore.

L’esposizione, che rimarrà aperta al pubblico fino al 6 gennaio 2018, presenta un enorme diorama di 60 metri quadri della più grande città al mondo costruita da oltre 7 milioni di mattoncini che creano un ambiente magico, ma estremamente realistico, dove nulla è lasciato al caso e ogni angolo nasconde una storia da raccontare e dove sono inseriti dei dettagli natalizi come un grande albero di Natale.

Sono oltre 6000 le mini figure che abitano gli edifici di “City Booming”; al loro interno, negli appartamenti, arredati e illuminati, i personaggi conducono la loro vita privata; in ogni angolo dei palazzi, delle strade e degli edifici si nascondono sempre curiose scene e particolari accadimenti.

Non mancano inoltre i supereroi come Batman, Wonder Woman, Spiderman, Hulk e molti altri, mischiati tra la ‘gente comune’, cui si affiancano personaggi dei disegni animati, dai Simpson alla Sirenetta, o celebrità del cinema, quali Sean Connery o Harrison Ford nelle vesti di Indiana Jones.

Come ideale omaggio alla città che ospita “City Booming”, nella ex chiesa di San Mattia, si trova una riproduzione Lego di soli plate delle due più famose torri bolognesi, rappresentate con soli pezzi bianchi e neri per dare maggiore risalto all’architettura dei simboli di Bologna.

Per la riapertura natalizia bolognese, il diorama propone alcune attrazioni di grande interesse, come la stazione ferroviaria, dalla quale transita un treno che passa nel “sotterraneo” della città, tramite un sistema di automazione creato appositamente, per consentire di vedere da vicino il passaggio della locomotiva, scovando di essa ogni singolo dettaglio.

La città ideata e prodotta da LAB, inoltre, contiene al suo interno diverse realtà e contesti: il quartiere che si affaccia sul mare nelle vicinanze di un enorme luna park, la zona residenziale che si contraddistingue per la presenza di una caserma abitata dai Ghostbusters e una vasta area dedicata alla campagna che consentirà ai visitatori di assistere ad attività come quella della trebbiatura a cui fanno da contorno fattoria, stalla e fienile, zone in cui si possono scorgere contadini e allevatori intenti a svolgere le mansioni del caso.

Ideata e prodotta da LAB Literally Addicted to Bricks, e organizzata da Giuliamaria e Gianmatteo Dotto, col patrocinio del Comune di Bologna, in collaborazione con Bologna Welcome Convention & Visitors Bureau, media partner Il Resto del Carlino, “City Booming Bologna” è nata dalla fantasia di Wilmer Archiutti, fondatore di LAB, laboratorio creativo di Roncade, in provincia di Treviso, che realizza forme e architetture di Lego, mattoncini che colleziona da oltre quarant’anni.