Itaker. Vietato agli italiani

Itaker. Vietato agli italiani

Itaker. Vietato agli italiani” è il titolo del film in onda lunedì 25 marzo 2019, alle ore 22.05, su Rai5, per il ciclo “Nuovo Cinema Italia”. Un racconto dell’emigrazione italiana all’estero nell’opera del regista pugliese Toni Trupia.

Itaker è il racconto di un viaggio dall’Italia alla Germania, nel 1962. Un viaggio particolare: a compierlo è Pietro, un bambino di 9 anni orfano di madre, partito per ritrovare il padre emigrato, di cui da tempo non si hanno notizie. Insieme a lui un sedicente amico del padre, Benito Stigliano, un giovane uomo dai trascorsi dubbi in cerca in Germania di un riscatto personale, e pronto a qualsiasi cosa per ottenerlo.
Sul loro percorso Pietro e Benito incontrano mondi diversi: quello della fabbrica di Bochum, la comunità italiana in città (gli itaker, “italianacci”, uno dei tanti appellativi degli emigrati italiani in Germania); il mondo dei magliari, del contrabbando – fatto di valige ed espedienti – quello della convivenza non sempre pacifica tra italiani e tedeschi. Diverse piccole patrie in cerca di identità.
Sullo sfondo di una storia cruciale ma poco ricordata, il racconto di una crescita e della lotta sempre presente tra sopravvivenza e sentimenti.

«C’è un elemento in questa storia che mi ha attratto particolarmente e che vorrei venisse fuori per gli spettatori che vedranno il film: raccontare il dramma dell’emigrazione attraverso la vicenda di un bambino restituisce al fatto storico tutta la profondità di una metafora cristallina e chiarissima – dichiara il regista Toni Trupia -. Quell’esperienza, per chi l’ha vissuta, e per chi, direi, continua a viverla, rappresenta certo un’esperienza drammatica dal punto di vista sociale e umano, ma è anche una sorta di prova di iniziazione attraverso cui passare per maturare una visione dell’esistenza più definita e precisa. Mi piace pensare che lo sguardo del piccolo Pietro rifletta quello di tanti emigranti che sono partiti dalla loro terra ingenui e sprovveduti come bambini e hanno maturato un percorso umano che li ha predisposti al confronto e alla complessità della vita. Gli sviluppi della vicenda raccontata nel film sono il frutto della commistione tra elementi inventati e sintesi di storie realmente accadute, sentite o lette nel corso di una approfondita documentazione».

Candidato al Nastro d’Argento 2013 per la categoria Miglior attore protagonista.
Tra gli interpreti Francesco Scianna, Monica Birladeanu, Michele Placido, Tiziano Talarico, Nicola Nocella, Pietro Bontempo, Andrea Trovato, Erminio Truncellito, Vincenzo Peluso, Eva Allenbach, Alessia Giangiuliani.

Itaker. Vietato agli italiani Guarda il trailer