Ogni cosa è illuminata – Il clima – Rai3

Camila Raznovich, Ogni cosa è illuminata

Saranno Fulco Pratesi, fondatore del WWF, il giornalista Corrado Formigli, il neurobiologo vegetale Stefano Mancuso e il cantautore Diodato alcuni tra gli protagonisti della quarta puntata di Ogni cosa è illuminata, il programma condotto da Camila Raznovich.

Un nuovo viaggio tra emozioni e conoscenza affrontato con leggerezza e divertimento in onda sabato 29 giugno 2019 alle ore 21.25 su Rai3.

Storie, ospiti, documentari per incuriosire, capire meglio e riflettere. Parola chiave di questa puntata è clima e i suoi cambiamenti, il futuro del nostro pianeta e dell’essere umano, sempre più vittima del mondo che lui stesso ha modificato rendendolo sempre più confortevole ma oramai non più ecologicamente sostenibile.

In apertura Diodato presenterà, come ogni ospite musicale il video contributo “Città di note” nel quale racconterà Taranto, la propria città, in una dicotomia tra la bellezza del territorio, la ricchezza delle tradizioni e le attività siderurgiche che ne minano l’evoluzione.

Stefano Mancuso parlerà delle piante, i veri polmoni del nostro pianeta, e della loro capacità di rendere possibile l’esistenza dell’intero regno animale raccontando, ad esempio, la poco conosciuta caratteristica della Tillandsia, pianta originaria del Centro America, capace di assorbire e trattenere lo smog.

Corrado Formigli approfondirà un argomento spesso ignorato: la siccità. In particolare, verranno mostrate alcune immagini del documentario da lui realizzato su Somaliland, un piccolo stato a nord delle Somalia che vive da anni in condizioni di grave scarsità di acqua.

Per lo spazio dedicato ai grandi fotografi italiani in studio Valerio Bispuri in compagnia del quale sarà visto e commentato uno dei suoi reportage più importanti intitolato “Paco”, un particolare tipo di droga che si ottiene dagli scarti della cocaina, pericolosamente diffusa tra i giovani in Sudamerica.

Continua la serie di documentari realizzati da Céline Cousteau nipote del grande esploratore francese Jacques Cousteau, oramai divenuta una documentarista di fama internazionale, che nel ripercorrere i viaggi del nonno per toccare con mano i grandi cambiamenti che sono avvenuti negli anni, ci porterà sui ghiacciai della Patagonia cilena.

A conclusione della puntata di Ogni cosa è illuminata, Lella Costa si esibirà in un monologo inedito che ripercorre in modo ironico e originale il tema centrale, traendo le conclusioni e portando nuovi elementi di riflessione.