Padova | Dove portano i passi che facciamo, mostra di Adriano Baldin

0

Opera di Adriano Baldin, particolare

La Galleria Samonà di Padova dal 30 aprile al 5 giugno 2011 ospita la mostra di Adriano Baldin “Dove portano i passi che facciamo…”. L’esposizione, curata da Letizia Tasso, presenta una serie di installazioni realizzate dall’architetto padovano, insegnante ed uomo impegnato nel sociale, deceduto nel 2007. Le opere – che fondono pittura, scultura e design – rientrano nel campo più ampio dell’arte cinetica, che si propone di rendere lo spettatore attivo nel confronto con l’oggetto d’arte. Vi si coglie una compresenza di passato, presente e futuro dove ogni parte è in stretta unione con le altre e concorre al passaggio da un momento spazio-temporale all’altro. Nessun elemento al loro interno è scelto a caso, dalla struttura verticale in legno, alla tela dipinta ed illuminata, all’uso di tre colori fondamentali ed evocativi: rosso, nero e bianco.
Si crea così quasi una “non pittura”, perché il colore dello sfondo è integrato o rotto per contrasto dagli oggetti sovrapposti. Pur avendo forme molto simili, le installazioni dell’artista non sono mai monotone, ma dimostrano una profonda capacità di rielaborare di volta in volta una base comune ottenendo un risultato ogni volta originale e coinvolgente per chi guarda.

Per Baldin l’arte “nasce dal bisogno di conoscere la vita e di capire ciò che accade” e tocca quattro filoni fondamentali: l’ambiente, la storia, la spiritualità e l’interiorità. Questi però sono campi non a sé stanti, ma compenetranti l’uno con l’altro.

La mostra è promossa e organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e dall’Associazione Adriano Baldin.

Comments are closed.