8 marzo, ingresso gratuito per le donne nei musei statali e campagna social del Mibact

0

Parmigianino, ANTEA (OTTAVIA CAMILLA BAIARDI), 1536, NAPOLI. MUSEO DI CAPODIMONTEIn occasione della giornata internazionale delle donne, mercoledì 8 marzo gli oltre 400 musei e luoghi della cultura statali apriranno le loro porte gratuitamente alle donne.

Una giornata, dunque, di festa che il Ministero dei Beni e delle Attività e del Turismo celebra, insieme alle aperture gratuite, con un’apposita campagna di comunicazione social e una galleria di donne eccezionali, la cui fama ha attraversato i secoli anche grazie all’arte e alla cultura.

Intellettuali e artiste, attrici e martiri, scrittrici e poetesse, madri, madonne e rivoluzionarie: la campagna social del Mibact, in occasione dell’ 8 marzo, celebra il mondo femminile, attraverso le sue rappresentazioni più significative nell’arte, puntando i riflettori sulle vite delle donne che hanno fatto la storia. Oltre trenta locandine digitali – selezionate dagli storici dell’arte del principali Musei Italiani – animeranno infatti il profilo Instagram di @Museitaliani.

Dipinti, sculture, stampe, busti, reperti archeologici e ritratti che celebrano il “femminile” saranno pertanto i protagonisti della campagna social: da Sofonisba Anguissola, una delle prime esponenti della pittura europea, a Ofelia, personaggio shakespeariano e tragica eroina, al busto di Madame de Stael, l’intellettuale liberale francese che ha animato i salotti letterari e fautrice del romanticismo europeo, e ancora il dipinto pompeiano di Saffo, conservato al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Cleopatra ritratta da Giovan Francesco Guerrieri, e ancora, tra le tante altre protagoniste della galleria di immagini, Jane Burden Morris, modella, musa dei preraffaelliti e moglie dell’artista e architetto britannico William Morris, la scultura di Eleonora Duse, conservata a Palazzo Pitti, fino alle Tre Età della donna, il capolavoro dell’artista austriaco Gustav Klimt, simbolo delle tre fasi della vita femminile.

Anche per questa iniziativa l’invito rivolto ai visitatori è quello di una vera e propria caccia al tesoro digitale nei musei italiani, muniti di smartphone o macchina fotografica, alla ricerca di donne in dipinti, sculture, vasi figurati, arazzi e affreschi delle epoche e delle collezioni più disparate. Tutti possono condividere le proprie foto con l’hashtag #8marzoalmuseo e invadere i social con opere da tutta Italia, seguendo un filo rosso che unisce, nella bellezza, le straordinarie collezioni statali. La campagna è promossa su tutti i social network del Mibact e dei musei statali, ma ha il suo cuore nel profilo Instagram  @museitaliani.

Tutti gli eventi su www.beniculturali.it/8marzo

Comments are closed.