sabato, Settembre 19, 2020
Home L'Italia nel mondo Il Balletto della Scala in Messico con "Don Chisciotte" di Rudolf Nureyev

Il Balletto della Scala in Messico con “Don Chisciotte” di Rudolf Nureyev

Don Chisciotte © TeatroallaScala

Circa 20.000 persone hanno potuto assistere per la prima volta a Don Chisciotte – nell’allestimento di Raffaele Del Savio e Anna Anni – con il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, una delle poche compagnie al mondo ad avere il privilegio di custodire in repertorio i balletti di Nureyev.

Dopo il successo della tournée del 2005 a Mexico City, il Balletto della Scala è stato nuovamente invitato in Messico: in dodici giorni si è esibito in sei recite di Don Chisciotte, quattro all’Auditorio Nacional di Mexico City dal 13 al 15 giugno, e due a Guadalajara, il 18 e 19 giugno all’Auditorio Telmex che, recentemente inaugurato da Placido Domingo, ha ospitato per la prima volta una compagnia internazionale di Balletto.

Pubblico e critica hanno apprezzato il brio spumeggiante del Don Chisciotte di Nureyev e la grande tecnica richiesta a tutto il Corpo di Ballo e soprattutto ai protagonisti; accanto ai primi ballerini e ai solisti scaligeri, i ruoli di Kitri e Basilio sono stati affidati a quattro stelle internazionali: Denis Matvienko, primo ballerino dell’Opera di Kiev, e Anastasia Matvienko, solista del medesimo corpo di ballo; Leonid Sarafanov, primo ballerino del Teatro Mariinskij-Kirov, e Olesia Novikova, first soloist dello stesso teatro.

Come di consuetudine nelle più recenti tournée del balletto, la nuova visita in Messico è stata l’occasione per una collaborazione con gli artisti locali: la partecipazione delle due Orchestre dei teatri ospitanti (Orquesta de las Américas a Mexico City e Orquesta Sinfónica de Aguascalientes a Guadalajara), sotto la direzione di David Garforth, e dei giovani allievi delle scuole di danza coinvolti in scena.

Acquista su Amazon

Acquista su Amazon

MUSICA

TELEVISIONE