Emilio Pucci e il made in Italy 1957. La collezione Palio

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Foto PucciA Siena, nel Palazzo Squarcialupi del complesso museale di Santa Maria della Scala, si terrà dal 28 giugno al 9 settembre 2007 una originalissima mostra dedicata ad una collezione che il celebre stilista Emilio Pucci, nel 1957, dedicò al Palio. Nel giugno di quest’anno ricorreranno, infatti, i cinquanta anni della collezione Palio che Pucci presentò, con grande successo, alle sfilate nella sala Bianca di Palazzo Pitti: diciassette indossatrici vestite di camicie di seta e pantaloni di colori e stampati diversi, sfilarono con i colori delle Contrade.

Lo stesso Emilio Pucci spiegava: «Può sembrare strano che abbia scelto un tema così remoto per il mio lavoro che ha un sapore così moderno, ma io, artigiano fiorentino di oggi, mi sento molto vicino agli artigiani del Tre e del Quattrocento ed è proprio l’elemento medievale del Palio con la sua ricchezza di motivi geometrici e di colore che mi ha affascinato».
Fu un tripudio, una collezione di grande successo non solo in Italia, in Inghilterra e negli Stati Uniti dove lo stilista era il beniamino di un jet set che amava la moda sportiva, essenziale, elegante e colta con cui Pucci si era presentato fino a quel momento, ma fu addirittura presentata in Unione Sovietica, a Leningrado, in un evento unico per i tempi.

I costumi delle Contrade, i loro colori e motivi araldici furono fonte di ispirazione per creare foulard e camicie, diventarono lo spunto per rielaborare in varianti diverse e in modelli moderni, grafismi e accostamenti secolari, con un’operazione che, a differenza di molte altre rivisitazioni odierne, era di profonda comprensione e sintonia di gusto, di perfetta amalgama di elementi.

Testimonianza di questo percorso sono i disegni, gli schizzi, le prove colore, gli innumerevoli stampati, ma soprattutto i modelli e gli abiti che vengono presentati in mostra e che valsero ad Emilio Pucci non solo il Neimann-Marcus Award (l’Oscar della Moda) proprio in quell’anno, ma un successo internazionale che su quelle stesse basi continua ancora oggi.

Da un punto di vista stilistico infatti, la collezione Palio segna una svolta, un passaggio da un’ispirazione più figurativa legata a motivi tipicamente italiani e alla nostra tradizione culturale, evidente nei suoi esordi e per tutti gli anni cinquanta, al Pucci più universalmente noto, quello delle fantasie geometriche e dei colori sgargianti degli anni sessanta.
La collezione Palio fu la prima vera collezione che dimostrava una coerenza di progetto, dalla scelta del tessuto e dello stampato alla sua applicazione su un’ampia gamma di varianti di colori e di modelli: abiti da sera, da cocktail e da giorno, ma soprattutto camicie, shorts, costumi da bagno e teli di spugna, di spirito moderno, pratico ma col sapore e la qualità del passato.

La mostra testimonia il valore di questa collezione nella storia stilistica di Pucci, inserendola comunque nel contesto di una vicenda che, nata quasi per caso nel 1947, ha rappresentato proprio negli anni tra il 1950 e gli anni sessanta, uno dei primi e forse più emblematici esempi della nascita e affermazione del Made in Italy nel mondo.

Per illustrare questo percorso stilistico sono stati selezionati molti materiali tra quelli conservati nell’Archivio Emilio Pucci, (fotografie d’epoca, schizzi, disegni originali, prove colore, tessuti, abiti, costumi, foulard e documenti), per poi metterli in relazione con la fonte originale di ispirazione, ovvero il Palio, le Contrade e le loro tradizioni, Siena e le sue suggestioni culturali e, soprattutto, stilistiche e visive.

La mostra e il catalogo sono curati da Alessandra Arezzi BozaMargherita Anselmi Zondadari.

L’esposizione è organizzata in collaborazione con il Comune di Siena e la Fondazione Emilio Pucci di Firenze, con il sostegno della Fondazione Monte dei Paschi e il contributo della Banca Monte dei Paschi, main sponsor dell’iniziativa.

Share.

Comments are closed.