Schifano. 1934 – 1998 Selected works

 Mario Schifano, Il bambino pittore, 1985Viene riproposta a Milano dal 17 ottobre 2008 all’ 1 febbraio 2009 la grande retrospettiva dedicata a Mario Schifano, che già tanto successo ha ottenuto alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna (GNAM) di Roma.
L’esposizione, a dieci anni dalla scomparsa dell’artista, è ospitata in tre sedi prestigiose: la Galleria Gruppo Credito Valtellinese, la Fondazione Stelline e l’Accademia di Brera.

Precursore delle avanguardie artistiche, a cominciare dai celebri monocromi, e della pop art in particolare, Mario Schifano ha contribuito al rinnovamento dell’arte internazionale ed è entrato in contatto con artisti quali Tzara e Duchamp, Rauschenberg e Kline, Dine e Jasper Jones, senza dimenticare Andy Warhol, che conobbe a New York nel ’62.

I numerosi prestiti, concessi soprattutto da collezionisti privati, restituiscono la grandezza dell’artista e la forza anticipatrice delle sue opere.
La mostra presenta le opere decennio dopo decennio, ricordando come per quarant’anni vita e arte siano state inestricabilmente legate nel lavoro di Schifano.

Mario Schifano, Senza titolo, 1997L’esposizione prende avvio dai cicli tematici progressivi – i monocromi, gli incidenti, i paesaggi – tutti presenti in mostra – fino a sconfinare nel linguaggio multimediale.
Tra i primi a sperimentare innesti tra pittura e altre forme d’arte come musica, cinema, video, fotografia, l’ultimo periodo di produzione di Schifano è particolarmente segnato dai media e dalla multimedialità, interrotto soltanto da alcuni cicli più prettamente “pittorici”, in una fase di piena coscienza del proprio ruolo di artista-uomo del suo tempo.

L’ultima sezione della mostra comprende i disegni, dove è esposta per la prima volta la cartella grafica realizzata con il poeta Frank O’Hara, e le polaroid: istanti di vita che Schifano trasferiva sulle grandi tele.

Chiude la retrospettiva il montaggio antologico dei film dello stesso Schifano, a cura di Luca Ronchi, che restituisce tutta la vitalità elettrizzante di un artista dal prodigioso talento.

Il catalogo, edito da Electa, è ricco di contributi che raccontano di decennio in decennio il rapporto tra vita e pittura di Mario Schifano. Una preziosa antologia di testi e articoli sull’artista chiude la pubblicazione.

La mostra, curata da Achille Bonito Oliva (coordinamento per Milano a cura di Marco Meneguzzo) in collaborazione con l’Archivio Mario Schifano, è prodotta dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese e dalla GNAM di Roma, in collaborazione con l’Archivio Mario Schifano, la Fondazione Stelline e l’Accademia di Brera e si avvale del patrocinio della Regione Lombardia, della Provincia e del Comune di Milano.

In occasione della mostra milanese, a partire dal 21 ottobre, Versace dedicherà un omaggio esclusivo all’artista esponendo sei opere della collezione privata della Maison, all’interno della nuova boutique Versace Home di Via Borgospesso 15/a. Sei importanti realizzazioni commissionate da Gianni Versace a Mario Schifano negli anni ’95 e ’96 per Casa Casuarina a Miami e Via Gesù 12 a Milano.