Carlo Maria Martini e Georg Sporschill – Conversazioni notturne a Gerusalemme

Carlo Maria Martini, ex arcivescovo di Milano e studioso della Bibbia di fama mondiale, e Georg Sporschill, gesuita austriaco e padre spirituale impegnato nel sociale, che vive insieme ai bambini di strada in Romania e in Moldavia, si sono conosciuti durante un soggiorno a Gerusalemme e sono diventati amici.

Ispirati da molti incontri con i giovani, si sono chiesti come concretamente gli uomini di fede possono rispondere alla crisi etica della contemporaneità: «Che cosa farebbe oggigiorno Gesù?», «A quale meta conduce il cammino delle religioni in una società sempre più disorientata e priva di Dio?».
Nell’ultima stagione della sua vita, Carlo Maria Martini si offre al proprio interlocutore con franchezza e semplicità, senza reticenze, dando vita a quello che può essere interpretato come il suo testamento spirituale.
Un libro che raccoglie pensieri di speranza e di fiducia nel futuro, riflessioni amare che sfumano nel disincanto, ma capaci altresì di illuminare, con il loro spessore teologico, anche il cuore del lettore più scettico.

Carlo Maria Martini, gesuita, è stato arcivescovo della diocesi di Milano e rettore dell’Università gregoriana. Dal 2002 vive a Gerusalemme. Numerose le sue pubblicazioni, tra cui da Mondadori: Sulla giustizia (1999), La scuola della parola (2002), Non è giustizia (2003) e Il discorso della montagna (2006).

Georg Sporschill, gesuita, si occupa da molti anni di problemi sociali, in Austria e nei paesi dell’Europa orientale. Nel 1991 ha fondato una rete per l’affidamento dei bambini di strada e per la cura dell’infanzia maltrattata. Ha ricevuto il premio Felix Ermacora per i diritti dell’uomo e il premio Albert Schweitzer.

Scheda libro

Autori: Carlo Maria Martini e Georg Sporschill
Titolo: Conversazioni notturne a Gerusalemme
Editore: Mondadori
Collana: Saggi
Prezzo: € 17,00
Pagine: 132
Anno: 2008

Di Carlo Maria Martini leggi anche:
Qualcosa di così personale
Le età della vita