Mostra / Gardone Riviera, al Vittoriale “Omaggio a Gabriele D’Annunzio”

Sarà inaugurata il 27 febbraio 2010 a Gardone Riviera (BS), all’interno del Vittoriale degli italiani, la mostra dal titolo Omaggio a Gabriele D’Annunzio. In esposizione opere già in collezione nella Casa-Museo ed alcune appositamente pensate da artisti contemporanei. Sono lavori che raccontano il personaggio D’Annunzio (direttamente attraverso suoi ritratti oppure riferendosi a persone ed eventi a lui collegati) posti all’interno dell’Auditorium dove è collocato il grande biplano SVA usato per il volo dimostrativo sopra Vienna del 9 agosto del 1918.

Oltre al “Doppio comando di aereo Caproni”, scultura del 1938 di Filippo Tommaso Marinetti, ai figurini e bozzetti scenici de “La Figlia di Iorio” di Giorgio de Chirico (1934), quelli di Mario Pompei per “Parisina” (1926) e quelli di Enrico Del Debbio per “La città morta” (1922), saranno esposte una grande ceramica irriverente di Luigi Ontani (“D’Annunziazione dei Marinetti”, un doppio ritratto dei due amici Marinetti/D’Annunzio), un busto del poeta eseguito da Giulio Tamburrini e il bronzo policromo di Paolo Schmidlin “Corè” dedicato alla marchesa Luisa Casati Stampa. Verrà inoltre esposta una riproduzione ingrandita di una fotografia di Man Ray alla Corè.
Fra i dipinti spiccano un ritratto della marchesa del pittore futurista Mario Natale Biazzi degli anni Venti, appena ritrovato, “Una posa alla Capponcina”, 1988, di Gigino Falconi, una litografia dell’artista tedesco Jonathan Meese e un disegno “Ritratto di G.D.” di Marco Mazzoni.

Gabriele d’Annunzio – afferma Giordano Bruno Guerri, Presidente della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani e ideatore della manifestazione – ha ispirato letterati e artisti suoi contemporanei, e continua a ispirare anche quelli di oggi, nostri contemporanei, a oltre settant’anni dalla morte. Ho ritenuto di dover rendere omaggio a lui, quanto a loro, raccogliendone le opere all’interno del Vittoriale, in quello che è destinato a diventare un vero e proprio nuovo Museo nella Casa-Museo. L’operazione è iniziata, nel 2009, con la donazione da parte della Banca di Teramo di un busto in bronzo, opera di Venanzio Crocetti, che adesso accoglie i visitatori all’ingresso del Vittoriale. La sezione di arte contemporanea all’interno dell’Auditorium è un arricchimento per il Vittoriale, ma anche per i numerosissimi visitatori, che potranno goderne senza alcun aumento del biglietto d’ingresso. Mi auguro, e credo, che altri artisti vorranno arricchire la collezione con le loro opere. ”

Questo omaggio anticipa l’installazione di un Museo permanente, “D’Annunzio segreto”, che verrà realizzato nello spazio sottostante l’Anfiteatro all’aperto e che accoglierà tutto quanto, di D’Annunzio, è stato finora recluso negli armadi e nei cassetti del Vittoriale: abiti, accessori, argenteria, cancelleria, ecc.

Articoli correlati:

D’Annunzio segreto, al Vittoriale un nuovo museo