martedì, Ottobre 20, 2020
Home Cinema La bocca del lupo, un film di Pietro Marcello

La bocca del lupo, un film di Pietro Marcello

Un film come La bocca del lupo ci dice che ancor oggi, in Italia, attraverso i modi del documentario – sia pure di un documentario sui generis che si muove tra finzione e vissuto, presente e passato, attingendo a materiali d’archivio e filmati di inizio Novecento – è possibile cogliere lacerti autentici, vivi, della realtà contemporanea, quella stessa realtà che il racconto cinematografico di finzione, fatte salve le dovute eccezioni (Martone, Garrone, Munzi, Diritti, Moretti e pochi altri), appare ormai del tutto incapace di osservare e di descrivere.

Fatto si è che della Genova marginale e “segreta” dei carruggi e dell’angiporto la macchina da presa del napoletano Pietro Marcello (un cineasta foresto, dunque) ha saputo fornirci una rappresentazione partecipe e sincera, di straordinario pudore e, insieme, di grande qualità documentaria.

Ben di rado una storia di reietti e di ultimi della terra, come la storia d’amore e di riscatto morale narrata in prima persona da Enzo e Mary (“una favola d’altri tempi”, chiosa il regista), ha saputo coinvolgerci così intensamente e offrirci la costante impressione di onestà e di verità. Ben di rado in un film italiano ci è capitato di imbatterci in un volto così rugoso e non plastificato, come quello di Vincenzo Motta, capace, esso sì, di bucare lo schermo.
La realtà è lì, terribile e magnifica, non lontana dal nostro sguardo: questo ci dice la pellicola di Marcello.
Ma il cinema anemico e fighetto e radical chic dei tanti figli di papà che affollano gli schermi con le loro sciocchezzuole sentimentali, non sa vedere, conoscere, ricreare.

Nicola Rossello

Scheda film

Titolo: La bocca del lupo
Regia: Pietro Marcello
Cast: Vincenzo Motta, Mary Monaco
Durata: 76 minuti
Genere: Docufiction
Distribuzione: BIM Distribuzione
Data di uscita in Italia: 19 febbraio 2010

Acquista su Amazon

Acquista su Amazon

MUSICA

TELEVISIONE