Da Fattori a Previati, la raccolta di Riccardo Molo in mostra a Genova

Alla Galleria d’Arte Moderna di Genova dal 6 marzo al 6 giugno 2010 è allestita la mostra Da Fattori a Previati: una raccolta ritrovata. Riccardo Molo, collezionista d´arte tra Svizzera e Italia.
La rassegna, curata da Sergio Rebora con la collaborazione di Paolo Plebani, presenta una selezione di circa 50 dipinti e sculture che offrono una campionatura esemplare della fisionomia della raccolta e del gusto di Riccardo Molo sullo sfondo del fenomeno generale del collezionismo del tempo.

La passione di Molo per la pittura dell’Ottocento italiano era espressione della generale riscoperta che negli anni Venti si avviò sui Macchiaioli e, in generale, sulla pittura del secolo precedente. L’imprenditore ticinese scelse di conferire alla propria raccolta una fisionomia “nazionale”, ripartita attraverso lo schema storiografico e critico delle scuole regionalistiche. Con attento equilibrio cercò, pertanto, di assicurarsi dipinti di artisti lombardi (Mosè Bianchi, Pietro Bouvier, Gaetano Previati, Giovanni Segantini), piemontesi (Lorenzo Delleani), veneti (Vincenzo Cabianca, Antonio Fragiacomo, Marius Pictor), emiliani (Giovanni Muzioli, Alberto Pasini), toscani (Tito Conti, Giovanni Fattori, Ruggero Panerai), napoletani (Edoardo Dalbono), estendendosi anche alla Francia, sia pur limitatamente al settore della grafica.

La presenza di un piccolo nucleo di dipinti di Previati è stata, inoltre, rafforzata accostandone altri, di provenienza diversa, in grado di ampliare lo spettro della conoscenza dell’artista. Anche a Gonzato è stato riservato maggiore spazio, giustificato dall’affondo monografico già attuato da Riccardo Molo nella costituzione della raccolta.

Un nucleo selezionato di dipinti della raccolta Molo verrà depositato, al termine delle due esposizioni, presso la Pinacoteca Züst, che accrescerà così le proprie collezioni.