Sebastiano Ricci tra le sue Dolomiti

Sebastiano Ricci tra le sue Dolomiti è il titolo dell’iniziativa con la quale si intendono valorizzare alcuni capolavori del pittore bellunese, a trecentocinquant’anni dalla nascita. Un omaggio all’artista e alla terra che gli diede i natali. Dal 30 aprile al 29 agosto 2010 vengono, infatti, proposti alcuni interessanti itinerari lungo le tracce di altissima qualità pittorica lasciate da Sebastiano Ricci nel territorio che lo vide nascere.
Nelle tre sedi espositive di BellunoChiesa di San Pietro, Museo Civico e Palazzo Crepadona – si potranno ammirare i capolavori creati dal Maestro per il “camerino” di Palazzo Fulcis, per la Cappella Fulcis e per Villa Belvedere. A Feltre invece, il Museo Diocesano Arte Sacra espone l’importante gruppo di pale e dipinti provenienti dalla Certosa di Vedana.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Belluno in collaborazione con la Diocesi di Belluno Feltre, la Provincia di Belluno, il Comune di Feltre e la Soprintendenza PSAE per le Province di Venezia, Padova, Belluno e Treviso.

Articoli correlati:

Venezia, Sebastiano Ricci. Il trionfo dell’invenzione nel Settecento veneziano