23 Febbraio 2020
Home Libri Paolo Coen – Il mercato dei quadri a Roma nel diciottesimo secolo

Paolo Coen – Il mercato dei quadri a Roma nel diciottesimo secolo

Il binomio arte-denaro, oggi persino ovvio, esisteva anche in passato, sebbene attraverso forme e meccanismi in parte differenti. Tradizionalmente uno dei centri del mercato pittorico fu Roma, meta prediletta di artisti e viaggiatori provenienti da ogni parte del globo. Il libro ricostruisce questo complesso fenomeno individuando un momento chiave nel diciottesimo secolo, quando la città, anche sulla scia del Grand Tour, vede ancor più aumentare il suo peso nei sistemi artistici d’Europa.

The binomial art-money, nowadays even obvious, existed in the past as well, although through partially different forms and mechanisms. Traditionally one of the centres of the pictorial market was Rome, favourite destination of artists and travellers coming from every part of the globe. The book reconstructs this complex phenomenon by identifying a key moment in the eighteenth century when the city, also on the wake of the Grand Tour, sees its influence increasing within European artistic systems.

Scheda libro

Autore: Paolo Coen
Titolo: Il mercato dei quadri a Roma nel diciottesimo secolo. La domanda, l’offerta e la circolazione delle opere in un grande centro artistico europeo
Editore: Leo S. Olschki
Collana
: Biblioteca dell’«Archivum Romanicum» – Serie I: Storia, Letteratura, Paleografia, vol. 359
Prezzo: € 80,00
Pagine: lx-816
Anno:
2010

MUSICA

Francesca Michielin, esce il brano Gange feat. Shiva

Francesca Michielin, giovedì 20 febbraio 2020, ha infiammato il Rocket di Milano con il primo dei suoi...

Pinguini Tattici Nucleari, Fuori dall’Hype Ringo Starr Instore Tour

I Pinguini Tattici Nucleari sono pronti ad abbracciare il pubblico in Fuori dall’Hype Ringo Starr Instore Tour,...

TELEVISIONE

Omaggio a Luca Ronconi – Documentario su Rai5

In occasione del 5° anniversario della scomparsa di Luca Ronconi, il 21 febbraio 2015, Rai Cultura rende...

Fin de partie di Kurtág dal Teatro alla Scala di Milano

Segna il debutto operistico del 92enne ungherese György Kurtág, decano dell’avanguardia musicale del Novecento e compositore vivente...