Mostra | Gianquinto. Opere rare | Rimini, Castel Sismondo

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Alberto Gianquinto: La tavola nello studio, 1974 olio su tela, cm 250 x 200 collezione privataCastel Sismondo di Rimini dal 23 ottobre all’ 8 dicembre 2010 ospita la mostra Gianquinto. Opere rare. L’antologica, che raccoglie una ventina di opere rare del pittore veneziano, molte delle quali provenienti dalla collezione di famiglia, intende dare il senso più completo di questo grande artista.

Gianquinto è un artista complesso. La sua è una pittura meditata, studiata: indagine e riflessione, composizione e ricerca, avvicinarsi progressivo a quella essenzialità e a quel rigore che paiono spesso segni d’ascetismo, di sobrietà di forme e colori. Ma accanto a questa marcata componente intellettuale, Gianquinto è anche un poeta indagatore di emozioni e di sentimenti, colmo di passioni forti e solide.

La sua ricerca si è svolta lungo tutto il corso del Novecento senza però mai poter essere incasellata in alcuna specifica corrente artistica. Gianquinto ha dipinto sin dall’inizio il reale così come veniva riducendosi nella sua essenza poetica, nella sua posizione di segno; vedeva le cose disfarsi, sciogliersi sotto l’emozione del guardare e scopriva la loro capacità plastica di deformarsi, subendo l’impronta dell’occhio emozionato. Dalle prime nature morte, attraverso i grandi quadri “storici”, i paesaggi meridionali, i paesaggi veneti, i giardini di Asolo, i frumenti, i quadri dentro il quadro, quello di Gianquinto è stato un percorso che ha sempre costeggiato la realtà, dipingendone le impronte, le ombre, i fantasmi e le essenze.

Share.

Comments are closed.