Roma | Fernanda Gattinoni. Moda e stelle ai tempi della Hollywood sul Tevere

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Audrey Hepburn in Gattinoni per il film Guerra e Pace Gattinoni

Il Museo Boncompagni Ludovisi di Roma dal 28 gennaio al 10 marzo 2011 ospita la mostra “Fernanda Gattinoni. Moda e stelle ai tempi della Hollywood sul Tevere“, curata da Sofia Gnoli. L’esposizione descrive il rapporto tra la grande sarta italiana Fernanda Gattinoni e alcune tra le maggiori dive degli anni della Hollywood sul Tevere e della Dolce Vita.

A partire dalla seconda metà degli anni Quaranta, l’atelier romano di Fernanda Gattinoni divenne meta fissa del jet set internazionale di passaggio per la capitale. Tra le sue clienti, oltre a first ladies e ambasciatrici – da Evita Peron a Claire Boothe Luce -, si ricordano stelle del cinema quali Anouk Aimée, Ingrid Bergman, Lucia Bosé, Bette Davis, Marlene Dietrich, Rossella Falk, Audrey Hepburn, Gina Lollobrigida, Anna Magnani, Kim Novak, Lana Turner e Monica Vitti.

Proprio alle attrici che elessero Fernanda Gattinoni loro sarta prediletta è dedicata questa mostra.

Oltre a costumi di scena e abiti di vita privata, vengono esposte una serie di fotografie che illustrano il rapporto tra Fernanda Gattinoni e alcune stelle del cinema internazionale.

La retrospettiva, che vuole testimoniare la nascita del mito italiano dell’Alta moda, sinonimo di eccellenza e cultura riconosciuto in tutto il mondo, verrà ospitata  nel corso dell’anno anche a Modena, Berlino e Napoli.

Contestualmente al Museo Boncompagni Ludovisi, alcuni abiti di Fernanda Gattinoni saranno allestiti nella Sala Stampa di Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma. La piccola rassegna è stata, infatti, inserita nel Progetto ABC Arte Cultura e Bellezza promosso dalla stessa Provincia.

La mostra è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, dalla quale il Museo Boncompagni dipende, e con il patrocinio della Provincia di Roma, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma e di AltaRoma.

Share.

Comments are closed.