Lom a Merz, nelle campagne romagnole si accendono i fuochi magici

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Lòm a Merz

Nei Comuni di Faenza, Brisighella, Riolo Terme, Casola Valsenio, Russi, Bagnacavallo, Ravenna, Modigliana e Argenta dal 26 febbraio al 3 marzo 2011 prenderà vita “Lòm a Merz”, un’antica e affascinante tradizione popolare contadina. L’evento si animerà nelle aie delle case contadine attraverso un calendario di 40 appuntamenti per far riscoprire antiche usanze, cibi contadini, il dialetto, la musica popolare, l’arte degli artigiani.

Nei campi, all’imbrunire, vicino alle case di campagna verranno accesi dei grandi falò attorno ai quali prenderanno vita iniziative e incontri sulla tradizione e la cultura contadina romagnola, fra balli, spettacoli, mostre degli attrezzi della civiltà contadina e i mestieri “scomparsi”, mentre sarà possibile degustare vini e cibi della prelibata enogastronomia locale. Parteciperanno all’iniziativa: i gruppi musicali Radis, Quinzan, La Banda della Città di Russi, I Pasquarol, Stefano Zuffi, La banda de Grel; gli scrittori e giornalisti Andrea Zanfi, Alessandro Molinari Pradelli, Enrico Gurioli, Giuseppe Bellosi, Cristiano Cavina, Brunella Garavini, Liliana Vivoli; gli artisti Egidio Miserocchi (tintore e stampatore), Aurelio Brunelli (fabbro scultore), Sergio Diotti (attore narratore).

L’evento è organizzato dall’Associazione “Il Lavoro dei Contadini”, con il contributo dell’Associazione Friedrik Schurr, di Slow Food, e di Musica nelle Aie.

Share.

Comments are closed.