Torino – Palazzo Carignano. Gli appartamenti barocchi e la pittura del Legnanino

Stefano Maria Legnani, Apoteosi di Vittorio Amedeo di Savoia

In occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, a Torino riaprono al pubblico, il 20 marzo 2011, gli appartamenti barocchi di Palazzo Carignano. Dopo oltre mezzo secolo sarà possibile ammirare gli ambienti restaurati che ospitarono, tra l’altro, lo studio del conte di Cavour.  Si potranno, pertanto, visitare l’Appartamento di Mezzogiorno, noto anche come “Appartamento dei principi” e famoso per lo splendore delle boiseries e degli specchi che ne rivestono le pareti, l’Appartamento di Mezzanotte, lo scalone monumentale, che conduce al Parlamento Subalpino, visibile nel percorso, ed anche alcune zone da sempre chiuse al pubblico, come le scale elicoidali su piazza Carignano e i suggestivi sotterranei.

In questi ambienti sarà allestita una mostra dedicata a Stefano Maria Legnani detto il Legnanino (1661-1713), l’autore di quasi tutte le decorazioni a fresco di Palazzo Carignano. L’esposizione, che rimarrà aperta al pubblico dal 20 marzo al 26 giugno 2011, si sviluppa intorno ad una trentina di opere, provenienti da chiese, palazzi e musei di tutta Italia. In buona parte esse spettano allo stesso Legnanino, come la pala per la chiesa romana di San Francesco a Ripa o il grande telero di Miasino. Altre, invece, testimoniano il lavoro dei maestri e dei contemporanei, da Carlo Maratta, presente con tre prove d’eccezione, tra cui la Fuga in Egitto di Sant’Isidoro, a Andrea Pozzo fino a Daniele Seiter: di quest’ultimo in particolare si presenta una splendida pala per la chiesa torinese di Santa Cristina.

La mostra, ideata e curata dal Soprintendente Edith Gabrielli, è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, con il patrocinio della Città di Torino.

Accompagna l’esposizione un catalogo edito da Giunti Arte Mostre Musei.

Articoli correlati:

Notte tricolore a Torino

Torino, Officine Grandi Riparazioni – Fare gli Italiani. 150 anni di storia nazionale