Roma | Al Teatro Nazionale il progetto “La scuola all’Opera”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

La Scuola all’Opera

Al Teatro Nazionale di Roma martedì 3 maggio 2011 approda il progetto “La Scuola all’Opera”, curato dal Dipartimento Didattica del Teatro dell’Opera di Roma.

Circa 7000 studenti provenienti da 78 scuole elementari e medie inferiori del Lazio, dopo aver imparato durante l’anno scolastico, grazie al supporto di un cd-karaoke realizzato dal Teatro dell’Opera, a conoscere storie, personaggi e costumi di un’opera del grande repertorio, potranno finalmente viverla da protagonisti, cantandone alcuni brani celebri e realizzando elementi identificativi di costume e di attrezzeria in uno spettacolo-laboratorio che prevede, nell’arco di tutte le repliche fino al 20 maggio, un totale di 9000 spettatori tra studenti e genitori.

Il titolo scelto per l’anno scolastico 2010/2011 è L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, andata in scena al Teatro dell’Opera nello scorso febbraio.

Gli artisti del Coro dell’Opera accompagneranno i giovani studenti in un insolito e affascinante viaggio sulle tavole del palcoscenico, dove potranno misurarsi con i protagonisti del celebre melodramma giocoso di Donizetti. Rivivranno l’intricata vicenda d’amore tra la capricciosa Adina e il maldestro Nemorino, alle prese con il sedicente medico Dulcamara e i suoi “miracolosi” filtri d’amore, alcuni salendo direttamente sul palco altri cantando dalla platea senza nessun copione prestabilito, ma improvvisando in una grande rappresentazione collettiva.

L’elisir d’amore andrà in scena in una versione “speciale” per il giovane pubblico al Teatro Nazionale martedì 3 maggio (9.30, 11.30), mercoledì 4 maggio (9.30, 11.30), giovedì 5 maggio (9.30, 11.30), martedì 10 maggio (9.30, 11.30), mercoledì 11 maggio (11), giovedì 12 maggio (9.30, 11.30), venerdì 13 maggio (9.30, 11.30), martedì 17 maggio(11), mercoledì 18 maggio (9.30, 11.30), giovedì 19 maggio (9.30, 11.30), venerdì 20 maggio (9.30, 11.30) .

Il progetto La scuola all’opera è realizzato grazie al contributo della Regione Lazio e di Roma Capitale.

Share.

Comments are closed.