De Pisis en voyage, mostra alla Fondazione Magnani Rocca

Filippo De Pisis, 1938
Filippo De Pisis, 1938

Nella Villa dei Capolavori di Mamiano di Traversetolo (Parma), sede della Fondazione Magnani Rocca, dal 13 settembre all’8 dicembre 2013 è aperta al pubblico la mostra “De Pisis en voyage. Roma Parigi Londra Milano Venezia”, curata da Paolo Campiglio.

L’esposizione presenta circa ottanta opere del maestro ferrarese, provenienti da musei nazionali e da collezioni private, che rispecchiano i suoi interessi principali: i luoghi innanzitutto, i volti e le persone che li abitano, la natura che li attraversa.

Il carattere cosmopolita dell’artista e il suo incessante viaggiare per l’Europa degli anni Trenta-Quaranta pone de Pisis in una luce moderna e attuale, quella di un intellettuale senza frontiere che in un periodo di rafforzamento delle nazioni e di crisi internazionale sceglie le principali capitali come sedi più proprie alla personale declinazione espressiva.

La mostra è incentrata sugli anni di Parigi. Gli anni parigini, fecondi di scoperte e maturazioni pittoriche, sono qui preceduti dagli anni di Roma, in cui all’artista si rivela la pittura come mezzo più consono; sono intervallati dai due soggiorni a Londra, importanti ai fini della precisazione del segno e della messa a punto di una personale tavolozza cromatica; sono seguiti dal periodo di trasferimento a Milano e infine preludono alla grande opera di Venezia, il momento più felice della pittura depisisiana.

L’esposizione si articola, quindi, in cinque sezioni principali: Gli anni di Roma (1920-1924); Parigi (1925-1939); Londra (1933, 1935, 1938); Milano (1940-1943); Venezia (1943-1949).

Accompagna la mostra un catalogo che comprende saggi di Elisa Camesasca, Paolo Campiglio, Marilena Pasquali, Stefano Roffi, Andrea Sisti, Maddalena Tibertelli de Pisis, Giulia Toso.