Pistoia | Fotografia totale, mostra fotografica di Gianfranco Chiavacci

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Gianfranco Chiavacci, Ricerche fotografiche, rotazioni nello spazio, stampa vintage cibachrome, 1973

Pistoia, Palazzo Fabroni – Arti visive contemporanee, dall’8 dicembre 2013 al 9 febbraio 2014, dedica una mostra a Gianfranco Chiavacci dal titolo “Fotografia totale”.

L’antologica, curata da Valerio Dehò, presenta un percorso che raccoglie 155 tra vintage fotografici in bianco e nero e a colori, opere d’arte concettuali e optical, e “sculture fotografiche”, dove verrà evidenziata l’originalità del pensiero di Chiavacci che trae origine dalla sua originaria vocazione astratta e dal suo concetto binario della forma e dello spazio.

L’opera, ogni opera d’arte, si afferma come deviazione rispetto a un sistema di regole. Ed è esattamente quanto avviene nelle fotografie di Chiavacci, nel momento in cui la luminosità, il colore, gli effetti del movimento vengono resi secondo una possibilità compresa dallo strumento (questo è il metodo) ma non prevista dalle sue regole (ed ecco il linguaggio).

Gli oggetti astratti che compaiono nelle stampe fotografiche contengono un carattere bidimensionale che va oltre la loro natura fisica. Siamo negli anni Settanta e Chiavacci intravede nella semplice azione di fotoimpressione della pellicola futuri accessi alla tridimensionalità digitale. Così, la ricerca quasi cinquantennale di Chiavacci intorno alla “grammatica binaria” diventa più chiara e più efficace visivamente proprio nella fase in cui si discosta dalla rappresentazione in codice.

Fotografia totale” fornisce una sintesi di una ricerca durata cinquanta anni e testimonia di un rigore, affatto formale, che sorprende al pari della sua straordinaria capacità di sperimentare soluzioni e percorsi nuovi, usando numerosi materiali e altrettante tecniche espressive.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Damiani.

Share.

Comments are closed.