La cambiale di matrimonio debutta al Teatro Regio di Parma

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Il regista Andrea Cigni e "Mr Slook" Fumitoshi Miyamoto (Ph. Roberto Ricci)

Il regista Andrea Cigni e “Mr Slook” Fumitoshi Miyamoto (Ph. Roberto Ricci)

Al Teatro Regio di Parma andrà in scena venerdì 21 febbraio 2014 alle ore 20.00 (repliche il 23, 25 e 28 febbraio) La cambiale di matrimonio, opera di Gioachino Rossini.

La nuova produzione, firmata da Andrea Cigni, con le scene di Dario Gessati, i costumi di Valeria Donata Bettella e le luci di Fiammetta Baldiserri, è realizzata in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”, il Liceo Artistico Statale “Paolo Toschi” e l’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “Primo Levi” di Parma, in coproduzione con la Fondazione iTeatri di Reggio Emilia.

Protagonisti al loro debutto gli interpreti della Scuola di Canto del Conservatorio di Musica “A. Boito” di Parma, coordinati da Lelio Capilupi e Donatella Saccardi: Marco Granata, Nao Yokomae, Lorenzo Caltagirone, Fumitoshi Miyamoto, Andrea Pellegrini, Federica Cacciatore, e, nella recita del 25 febbraio, Kanae Fujitani, Yasushi Watanabe, Hideya Masuhara, Adriano Gramigni, Nozomi Kato.
Sul podio il maestro Alberto Martelli (il maestro Martelli non potrà partecipare a causa di un’indisposizione, a dirigere sarà il maestro Francesco Cilluffo), che dirigerà l’Orchestra del Conservatorio di Musica “A. Boito” di Parma.

Sabato 15 febbraio alle ore 17.00 al Ridotto del Teatro Regio, con ingresso libero, l’appuntamento di presentazione dell’opera per Prima che si alzi il sipario, nel quale lo storico della musica Giuseppe Martini ne metterà in luce gli aspetti salienti. L’incontro sarà arricchito dall’esecuzione dal vivo di alcuni brani, interpretati dal soprano Giovanna Iacobellis, dal mezzosoprano Marina Bonanzi, dal tenore Davide Urbani e dal baritono Paolo De Biasi, allievi del Conservatorio di Musica “A. Boito” di Parma, accompagnati al pianoforte da Yuna Saito e coordinati da Donatella Saccardi.

Share.

Comments are closed.