Ciao Enzo! A Milano una serie di iniziative per ricordare Jannacci

Enzo Jannacci

Il Comune di Milano ricorda Enzo Jannacci, a un anno dalla scomparsa, con una kermesse di eventi e iniziative che si apre domani 29 marzo 2014, giorno in cui ricorre l’anniversario della sua morte,  e si chiuderà il 3 giugno 2014, nel giorno del suo compleanno.

Al Teatro Carcano, sabato 29 alle ore 17.00, è previsto un incontro, durante il quale Dario Fo, Enrico Intra, Franco Mussida, Gino e Michele, Nico Colonna e altri artisti amici, insieme al figlio Paolo e all’assessore Del Corno, ricorderanno il cantautore milanese.

Stasera, venerdì 28 marzo, e domani sera, alle 20.45, al Teatro alle Colonne, andrà in scena lo spettacolo “Il saltimbanco e la luna” con Susanna Parigi e Andrea Pedrinelli, mentre sabato 29, a partire  dalle ore 20, la Cascina Cuccagna ospiterà “Palco libero per Jannacci”, una serata omaggio dedicata al grande cantautore.

Una mostra dei più grandi fumettisti italiani che hanno reinterpretato i personaggi delle canzoni di Jannacci con i loro disegni sarà visitabile sabato 5 aprile durante la festa in viale Ortles, e dal 30 maggio al 3 giugno, presso il foyer del Teatro dal Verme.

Infine, dall’ 11 al 16 aprile, nell’ambito del Festival “Milano canta Gaber”, saranno molte le iniziative dedicate al sodalizio umano e artistico tra Gaber e Jannacci.

Il programma di “Ciao Enzo!”, coordinato da Tommaso Sacchi e Dario Zigiotto, si concluderà il 3 giugno con un concerto, sempre al Teatro dal Verme, di Paolo Jannacci  insieme all’orchestra de ‘I Pomeriggi Musicali’.

Sabato 5 aprile si svolgerà la cerimonia ufficiale d’intitolazione a Enzo Jannacci della Casa dell’Accoglienza di viale  Ortles  69, l’antico dormitorio per i senzatetto della città. Per l’occasione è stato organizzato “Se me lo dicevi prima”, un pomeriggio di festa all’interno della Casa dell’Accoglienza aperto a tutti e gratuito. Su un palco, montato nel giardino della struttura, tra le 14 e le 18, saliranno quaranta tra cantanti e attori, comici e registi per portare il proprio personale omaggio a Jannacci.