Luca Meda. La felicità del progetto

Luca Meda

La Triennale di Milano presenta dall’ 8 maggio all’ 8 giugno 2014 una mostra dedicata a Luca Meda, a cura di Nicola Braghieri, Rosa Chiesa, Serena Maffioletti e Sofia Meda.

La ricchezza dei disegni esposti offre tutta l’ampiezza tematica e figurativa di un autore, che ha coniugato architettura e design in un ininterrotto e gioioso impeto creativo.

La mostra racconta il processo di formazione degli elementi di arredo e dei piccoli elettrodomestici, tendendo un arco dalla fase ideativa a quella realizzativa, alla comunicazione e alla promozione del prodotto: le opere realizzate per Radiomarelli e per Girmi, e soprattutto, in un ventennale sodalizio, con Molteni, Dada e Unifor.

Legato alla lezione di Ulm l’oggetto di design è non solo forma, ma macchina, di cui indaga (e nei disegni rappresenta) il dispositivo funzionale dei molti elettrodomestici, dei molti mobili che riuniscono tradizioni di forme e materiali con invenzioni, quali la componibilità.

E ogni oggetto di design trova nello spazio di una memoria radicata nelle scene urbane e domestiche, nei paesaggi marini e lacustri rivisitati con lieve poesia, le scene per una vita delle forme e delle persone che le abitano solcata da stratificazioni e analogie.

La mostra è realizzata dalla Triennale di Milano in collaborazione con l’Università IUAV di Venezia Archivio Progetti e con la Molteni&C.