Lugano | LongLake festival presenta Urban Art Festival

Save the Whale @Area Turismo ed Eventi

Torna a Lugano  in Svizzera il festival internazionale LongLake che dal 2 luglio al 2 agosto 2014 presenta Urban Art Festival, un cantiere di iniziative artistiche che spazia in ambiti sperimentali diversi e mette in relazione i cittadini con il contesto urbano.

Il primo intervento nel lago di Lugano a partire dalla mattina del 2 luglio, sulle sue sponde apparirà una balena. L’installazione Save the Whale consiste, infatti, in una coda di balena visibile dal lungolago fino al 2 agosto 2014. Proposto dai due artisti Stefano Ferretti e Alex Dorici, il progetto prevede la realizzazione della parte posteriore della balena al momento dell’immersione. Un’installazione monumentale e spettacolare per dimensioni e per la sua impronta surreale.

Tra le proposte del Festival troviamo anche, il 6 luglio, l’apprezzata iniziativa Open Gallery. Alla sua settima edizione, l’evento dà la possibilità a tutte le gallerie, agli spazi d’arte e ai musei della città di Lugano di aprire le loro porte in contemporanea e gratuitamente. Durante questa giornata gli oltre venti spazi espositivi che hanno aderito al progetto proporranno eventi speciali come vernissage in presenza degli artisti, letture, performance musicali e aperitivi.

Nel Parco Ciani di Lugano prenderà vita un laboratorio a cielo aperto. Il maestro Marcello Chiarenza attraverso l’utilizzo di rami di nocciolo costruirà una barca di 10 metri circa. La particolarità dell’opera sarà costituita dal fatto che verrà posizionata in verticale.
Una barca quindi che sembrerà una grande porta che si apre verso le cime delle montagne. La barca verrà inaugurata al pubblico nel mese di luglio e sarà illuminata in modo da poter essere ammirata anche di sera.

A coronare l’offerta ZOOna Lugano, un progetto di intervento urbano volto a stimolare la popolazione ad impossessarsi della nuova zona pedonale di Piazza mercato: orme di animali disegnate sulla pavimentazione stuzzicheranno il pedone a scoprire le sagome degli stessi animali sulle facciate di alcuni palazzi.