venerdì, Ottobre 30, 2020
Home Mostre ed Eventi "Made in Italy": ceramica e fotografia

“Made in Italy”: ceramica e fotografia

Dario Miale

Made in Italy“: ceramica e fotografia nelle Chinatown italiane è il titolo della mostra che dal 2 al 13 agosto 2014 resterà aperta al pubblico presso Palazzo Simeone di Grottaglie (Ta).

Un documento visivo sulla realtà della comunità cinese in Italia e un racconto, attraverso riproduzioni in ceramica e scatti fotografici, di oggetti e soggetti apparentemente identici.

Nel 2014 il fotografo Dario Miale e il ceramista Giorgio di Palma hanno visitato piccoli centri e grandi Chinatown italiane con l’intenzione di realizzare un’esposizione che, combinando ceramica e fotografia, mostrasse una realtà seriale fatta di multipli ossessivi e persone che si assomigliano tra di loro. Dopo aver visitato la Cina di Prato, Pisa, Milano, Roma e Osmannoro (Fi), Dario e Giorgio sono tornati a Grottaglie con un’altra convinzione: dietro il marchio ‘Made in China’ c’è un mondo fatto di persone, un universo culturale complesso e difficilmente comprensibile e hanno deciso così di affidare al connubio ceramica/fotografia il compito di documentare il rapporto oggetto/soggetto della comunità cinese.

Giorgio durante i viaggi ha acquistato e accumulato oggetti, icone tipiche o semplici e inutili gadgets ‘Made in China’. Tornato a Grottaglie li ha poi riprodotti in ceramica, in pezzi unici o in serie limitate, reinterpretandoli o semplicemente imitandoli.

Dario ha invece documentato i soggetti, ovvero i cinesi in Italia, una comunità spesso chiusa, restia per vari motivi ad aperture culturali. Ha usato la macchina fotografica per raccontare svariati momenti e luoghi: per strada mentre passeggiano, nei parchi mentre giocano, nei supermercati mentre acquistano e nelle grandi fabbriche mentre lavorano.

MUSICA

“La traviata” di Verdi su Rai5

“La traviata”

“Simon Boccanegra” su Rai5

“Simon Boccanegra”

TELEVISIONE

“La traviata” di Verdi su Rai5

“La traviata”

“Simon Boccanegra” su Rai5

“Simon Boccanegra”