HomeNotizie breviItalia - Iran, sottoscritto protocollo di collaborazione culturale

Italia – Iran, sottoscritto protocollo di collaborazione culturale

Il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini,  e il Ministro iraniano della Cultura e della Guida Islamica, Ali Jannati, hanno firmato oggi il protocollo esecutivo di collaborazione culturale  tra i due paesi.

- Advertisement -

Il documento prevede attività di cooperazione nel settore culturale quali l’istruzione, l’insegnamento della lingua, le borse di studio, la collaborazione interuniversitaria, l’organizzazione di mostre da allestire in entrambi i Paesi, l’organizzazione di eventi nell’ambito teatrale, musicale e cinematografico.

Per favorire la diffusione della cultura italiana in territorio iraniano, si mettono a disposizione premi per l’editoria e le traduzioni. È prevista anche la cooperazione nel settore del restauro, della conservazione e della ricerca archeologica, soprattutto attraverso lo scambio di informazioni, di pubblicazioni e di esperti, così come previsto dal Memorandum d’Intesa firmato a Teheran il 28 gennaio 2014. L’accordo auspica infine un’intensificazione della collaborazione nel settore dell’istruzione, dello sport e della protezione dei diritti d’autore.

“Siamo molto orgogliosi della firma di questo accordo – ha dichiarato Franceschini al termine della cerimonia – perché, oltre a rinnovare gli intensi rapporti culturali tra i nostri due paesi, ci offre l’occasione di rivolgere una comune sollecitazione alla comunità internazionale, condivisa dal ministro Jannati, affinché venga difeso il patrimonio culturale colpito dalla furia cieca del terrorismo”.

- Advertisement -

“Il protocollo odierno – ha aggiunto il ministro Jannati – permetterà un ottimo lavoro in molti ambiti di collaborazione culturale, con particolare attenzione alla letteratura, al cinema, alla musica, all’archeologia e alle arti figurative, con mostre sia in Italia che in Iran. Ambiti talmente vasti che fanno prevedere il coinvolgimento non solo del settore statale, ma anche di quello privato”.

- Advertisement -
- Advertisment -

MUSICA

TELEVISIONE