Giovanna d’Arco di Verdi inaugura la nuova stagione della Scala

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Riccardo Chailly © Teatro alla Scala

Riccardo Chailly © Teatro alla Scala

Giovanna d’Arco, dramma lirico in quattro atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Temistocle Solera, inaugura lunedì 7 dicembre alle ore 18,00 la Stagione 2015-2016 del Teatro alla Scala di Milano.
L’opera del grande compositore italiano, che vide la luce alla Scala nel 1845 e vi manca dal 1865, viene riportata al Piermarini dopo 150 anni con un cast di fama internazionale.
La ripresa di quest’opera si inserisce nella linea artistica e culturale che darà forma alle stagioni scaligere dei prossimi anni: riproporre le opere che sono nate alla Scala e riallacciare il legame con l’immensa tradizione del nostro melodramma allargando il numero dei titoli, alternando i più famosi alla riscoperta di capolavori meno eseguiti e portando in palcoscenico le edizioni critiche. Con la Giovanna d’Arco Riccardo Chailly, al suo primo Sant’Ambrogio da Direttore Principale, anticipa un disegno artistico che si svilupperà nei prossimi anni accanto all’ambizioso progetto di esecuzione di tutte le opere di Giacomo Puccini.

La prima della Scala vedrà impegnati Anna Netrebko nella parte di Giovanna, Francesco Meli in quella di Carlo VII, Devid Cecconi nel ruolo di Giacomo (in sostituzione di Carlos Álvarez. L’artista spagnolo, a causa del persistere dell’indisposizione, è, infatti, costretto a rinunciare alla prima della produzione di Giovanna d’Arco), Dmitry Beloselskiy sarà Talbot, mentre Michele Mauro vestirà i panni di Delil.
Il Coro e l‘Orchestra sono del Teatro alla Scala. Maestro del Coro è Bruno Casoni.

La regia della nuova produzione scaligera è di Moshe Leiser e Patrice Caurier.
La scenografia della Giovanna d’Arco, firmata da Christian Fenouillat, colloca l’intera vicenda in una stanza da letto ottocentesca. Non si tratta però di una scenografia minimalista perché la stanza si apre per accogliere le visioni della protagonista: tra i diversi elementi scenici che compaiono sullo sfondo anche una ricostruzione della Cattedrale di Reims alta 8 metri e mezzo, orgoglio dei laboratori scaligeri.

Anche quest’anno la serata del 7 dicembre sarà ripresa dalle telecamere di Rai5 e trasmessa in diretta televisiva in 13 paesi europei, cui si aggiunge in differita il Giappone, mentre alla diretta radiofonica hanno aderito 22 emittenti europee. Sono, inoltre, previste dirette cinematografiche in Italia (01 Distribution), Francia, Spagna e Germania e differite in Corea, Giappone, USA e Australia.
È confermata anche per quest’anno la diretta in streaming dal backstage della prima sul sito della Scala (www.teatroallascala.org).

Dopo la prima, Giovanna d’Arco verrà replicata:
giovedì 10 dicembre 2015 ore 20 – turno E;
domenica 13 dicembre 2015 ore 15 – turno C;
martedì 15 dicembre 2015 ore 20 – turno A;
venerdì 18 dicembre 2015 ore 20 – turno B;
lunedì 21 dicembre 2015 ore 20 – turno D;
mercoledì 23 dicembre 2015 ore 20 – fuori abbonamento;
sabato 2 gennaio 2016 ore 20 – fuori abbonamento.

Share.

Comments are closed.