Lucca | Dipingere l’incantesimo. Pittori nelle terre di Lucchesia di inizio ‘900

Giovan Battista Santini, La Vita, 1925-30
Giovan Battista Santini, La Vita, 1925-30

Palazzo delle Esposizioni della Fondazione Banca del Monte di Lucca ospita, fino al 17 gennaio 2016, la mostra “Dipingere l’incantesimo. Pittori nelle terre di Lucchesia di inizio ‘900”, a cura di Umberto Sereni.
In esposizione circa 70 dipinti di pittori lucchesi e stranieri, distribuiti sui tre piani del prestigioso edificio.

Il filo conduttore è rappresentato dal paesaggio lucchese, dalla Versilia alla Piana, alla Garfagnana, soggetto molto amato nel primo Novecento da artisti lucchesi e stranieri.
La campagna lucchese, le montagne della Garfagnana, il lago di Massaciuccoli e le spiagge della Versilia, sono tutte vissute, interpretate e rappresentate da questi artisti come un Eden ancora presente sulla terra.

Fra le opere in mostra, dipinti di artisti quali Moses Levy, Alfredo Meschi, Nino Carrara, Giovan Battista Santini, Plinio Nomellini e Lorenzo Viani. In esposizione anche due opere di Carlo Carrà realizzate quando era ospite di Pascoli a Coreglia.
A completare l’esposizione una serie di dipinti di artisti contemporanei come Marzia Martelli, Alessandro Tofanelli, Antonio Vignocchi e Marco Pasega.

La mostra, accompagnata da un catalogo edito da Maria Pacini Fazzi editore,  rientra nell’ambito del calendario delle mostre espositive che la Fondazione organizza dal 2008 ed è compresa nella serie di eventi “Toscana ‘900” organizzati da Regione Toscana e Ente Cassa di Risparmio di Firenze per riunire mostre, manifestazioni ed incontri dedicati al secolo scorso, su tutto il territorio regionale.