In mostra a Palazzo Madama di Torino capolavori dall’Ermitage

Marie-Louise-Élisabeth Vigée-Lebrun, Ritratto della granduchessa Elizaveta Alekseevna, particolare, 1798, Olio su tela, 80 x 65,5 cm, San Pietroburgo, Museo Statale Ermitage
Marie-Louise-Élisabeth Vigée-Lebrun, Ritratto della granduchessa Elizaveta Alekseevna, particolare, 1798, Olio su tela, 80 x 65,5 cm, San Pietroburgo, Museo Statale Ermitage

La pittura francese dal 1600 alla fine dell’Ottocento, dall’avvento delle accademie fino alla nuova libertà della pittura en plein air proposta dagli impressionisti, è il tema della mostra in programma a Palazzo Madama di Torino dal’11 marzo al 4 luglio 2016.  L’esposizione, dal titolo “Da Poussin agli Impressionisti. Tre secoli di pittura francese”, presenta oltre 70 capolavori provenienti dalle collezioni del Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo.

La mostra intreccia tutti i grandi temi della pittura moderna – dai soggetti sacri a quelli mitologici, dalla natura morta al ritratto, dal paesaggio alla scena di genere – e delinea la storia della fortuna dell’arte francese in Russia: le ragioni storiche e culturali del successo di alcuni generi accademici, rispetto all’impegno sociale delle correnti realiste; il gusto raffinato di Caterina II che nel 1772 si aggiudicò gran parte dei dipinti raccolti a Parigi dal celebre amateur francese Pierre Crozat negli anni a cavallo tra il Sei e il Settecento; gli acquisti alla moda dei ricchi aristocratici russi nell’Ottocento, le riorganizzazioni dei musei nel Novecento in seguito alla Rivoluzione d’Ottobre.

Il percorso in mostra, articolato in 12 sezioni per un totale di circa 50 artisti dei quali vengono esposti alcuni dei più noti ed emblematici lavori, si apre con le influenze caravaggesche di Simon Vouet, prosegue attraverso il destino dei grandi maestri del classicismo, da Philippe de Champaigne ai sommi Poussin e Lorrain; attraversa la nuova liberta della pittura di Watteau, Boucher e Fragonard, per approdare al ritorno all’antico di Greuze e alla poesia venata di Romanticismo di Vernet e Hubert Robert; il neoclassicismo di Ingres si intreccia al nuovo sentimento del paesaggio che si affaccia con Corot e all’affermazione dell’Impressionismo con Renoir, Sisley, Monet, Pissarro, fino all’apertura verso le avanguardie moderne con Cézanne e Matisse.

La mostra, che Palazzo Madama presenta nella cornice unica di Sala del Senato, costituisce la terza ta

ppa della collaborazione da tempo avviata da Città di Torino e Fondazione Torino Musei con il Museo Statale Ermitage e con Ermitage Italia per attività di studio e ricerca e per progetti culturali.

 Paul Cézanne, Natura morta con tenda, 1894-1895, Olio su tela. 55 x 74,5 cm, San Pietroburgo, Museo Statale Ermitage - Mostra "Da Poussin agli Impressionisti. Tre secoli di pittura francese "
Paul Cézanne, Natura morta con tenda, 1894-1895, Olio su tela. 55 x 74,5 cm, San Pietroburgo, Museo Statale Ermitage

Le opere in mostra, giunte a Torino dall’Ermitage, la cui collezione di pittura francese conta oltre duemila dipinti, sono state selezionate dai curatori Clelia Arnaldi di Balme, Natalia Demina, Enrica Pagella con l’organizzazione generale della Fondazione Torino Musei e la collaborazione di Villaggio Globale International.

Ad accompagnare le opere in mostra, l’audioguida emozionale di Artune, l’innovativo progetto di storytelling musicale per l’arte, ideato da Frankie hi-nrg mc e Materie Prime Circolari. Un viaggio attraverso le opere con la musica e i commenti audio di 10 grandi artisti italiani, tra cui – oltre a Frankie hi-nrg mc – Elisa, Paola Turci, Andrea Mirò, Simone Cristicchi, Dario Vergassola, Giuliano Sangiorgi, Neri Marcorè.

Il catalogo della mostra è edito da Skira Editore e raccoglie scritti di Clelia Arnaldi di Balme, Natalia Demina, Aleksandr Babin, Ekaterina Derjabine, Albert Kostenevič e Natalia Serebryannaya.