Caravaggio in una video installazione, tra immagini, musiche e profumi

Caravaggio ExperienceRealizzata dai video artisti di The Fake Factory con le musiche originali di Stefano Saletti, Caravaggio Experience è l’imponente video installazione ospitata negli spazi del secondo piano di Palazzo delle Esposizioni a Roma.
L’installazione, visibile dal 24 marzo fino al 3 luglio 2016, racconta in maniera del tutto inedita l’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio.

Avvalendosi del sistema di multi proiezione Infinity Dimensions Technology, tecnologia digitale di altissimo livello che unisce immagini e suoni, Caravaggio Experience porta il visitatore a vivere un’esperienza unica sul piano sensoriale attraverso un incontro ravvicinato con il Maestro del Seicento.

Cinquantasette i capolavori dell’artista che scorrono nell’arco di cinquanta minuti riprodotti attraverso l’uso di trentatrè proiettori Canon XEED in Alta Definizione con risoluzione superiore al Full HD (1920×1200). Il sistema di pannelli a cristalli liquidi LCOS è stato in grado di elaborare immagini nitide e cristalline consentendo la visibilità anche di infinitesimi particolari. L’uso della combinazione di tecnologie trasmissive e riflessive di tale portata rende il progetto un unicum anche nel panorama delle realizzazioni di videoinstallazioni immersive.

Le musiche di Stefano Saletti contribuiscono ancor più ad accorciare le distanze con l’opera e ad approfondire la conoscenza del linguaggio dell’artista. Corde, percussioni, archi, ance e distorsioni sono gli strumenti che danno vita a suoni di ambiente che diventano parte del racconto, con l’intenzione di dare un suono alla luce proveniente dalle immagini. Insieme all’esperienza visiva e auditiva, il visitatore può vivere anche un’esperienza olfattiva, con le fragranze selezionate appositamente dai maestri profumieri dell’Officina Profumo – Farmaceutica di Santa Maria Novella di Firenze.

L’intera installazione è suddivisa in momenti che portano l’attenzione sui grandi temi della produzione caravaggesca. Il percorso si apre con la Luce, elemento che caratterizza l’opera di Caravaggio, in cui viene presentata, tra gli altri, anche La Vocazione di San Matteo. A seguire il Naturalismo nel quale con Bacco, L’amore vincitore, I musici, si animano scene di vita vissuta e giovani personaggi che Caravaggio incontra nelle botteghe, nei palazzi e fra le strade di Roma. È poi la volta della Teatralità, raccontata attraverso l’individuazione degli elementi compositivi e strutturali delle opere, spogliando le tele dei colori e della luce per rivelare in primis le forme compositive essenziali. Il percorso prosegue con La Violenza, in cui vengono ripercorsi episodi a essa legati, esecuzioni pubbliche, zuffe fra i vicoli e nelle osterie, le inquietudini, le vendette.
Parte del racconto ripercorre infine i Luoghi di Caravaggio, per seguire cronologicamente la vita e l’arte di Caravaggio, la cui opera intera, al termine del percorso, viene raccolta in una galleria virtuale in cui l’osservatore può godere dei lavori nel loro insieme.

Tutte le immagini delle opere provengono dall’Archivio Scala di Firenze.

L’installazione è elaborata con la consulenza scientifica di Claudio Strinati,  coprodotta da Azienda Speciale Palaexpo e Medialart, in collaborazione con Roma&Roma srl.